Crea sito

Angelus di sangue, un thriller che vi toglierà il fiato

Solo a Giancarlo e ad Alessandro poteva venire in mente di unire le loro fervide immaginazioni per scrivere un romanzo a quattro mani. E che mani! Dal Maestro del Gotico italiano e dal Signore delle Spy Stories nostrane non potevamo aspettarci altro che un Angelus di sangue. E ringraziate la presenza di Alessandro se, alla fine del libro, qualcuno è rimasto vivo 😉

Angelus_EEE

Il Palazzo Apostolico in Vaticano è certamente uno dei luoghi più monitorati al mondo, ma è davvero impenetrabile ad un attacco terroristico? Dalle penne di Alessandro Cirillo e di Giancarlo Ibba è nato un romanzo d’azione dai ritmi serrati e convulsi, denso di colpi di scena, in cui si misurano due grandi protagonisti: il terrorista afgano Fawaz, intelligente e crudele, ma con fortissime motivazioni all’azione e all’odio, e Bruno Majo, un diacono che sta per essere ordinato sacerdote, ma che ha un passato da militare addestrato e un terribile segreto da custodire.

Alessandro Cirillo è nato nel 1983 in provincia di Torino.
Nel 2003 ha conseguito il diploma di ragioneria presso ITCG Galileo Galilei di Avigliana.
Subito dopo la fine della scuola ha conosciuto una splendida ragazza che nel 2012 è diventata sua moglie. Nel tempo libero nuota, gioca a calcio, pratica il Krav Maga, è appassionato di modellismo militare; dal 2006 fa il Capotreno a Torino, e si reca al lavoro in treno, ovviamente, così trova anche il tempo per leggere.
Dal 2013 collabora con la rivista militare “Combat Arms Magazine”, scrivendo articoli sulle Forze Armate italiane.
Attacco allo Stivale è stato il suo primo romanzo: dopo aver letto tanti libri, ha deciso di mettersi alla prova e di scrivere un romanzo d’azione ambientato in Italia e con protagonisti italiani, seguito daNessuna scelta, una nuova avventura dell’agente dei servizi segreti italiani Nicholas Caruso, che ritroviamo anche in questo terzo romanzo ambientato in Italia, Trame oscure.

Giancarlo Ibba nasce a Cagliari nel 1972, nello stesso giorno delle famose “Idi di Marzo”.
Scrive racconti brevi da quando ha imparato a leggere e scrivere, a quattro o cinque anni, prima dell’asilo. Questa precoce iniziazione alla letteratura ha una spiegazione semplice: un carattere un po’ solitario e introverso ha reso quasi fatidica la scoperta della letteratura e della scrittura.
È divertente, forse, evidenziare che il suo primo approccio con la lettura è avvenuto attraverso i fumetti (che a quei tempi i genitori acquistavano con una certa regolarità) allora molto in voga: Tex, Zagor, Comandante MarkDiabolik, oltre alle collane di Lancio Story e Skorpio. Alcune di queste storie non erano proprio per bambini, in ogni caso gli piacevano molto. Su quelle pagine stropicciate ha imparato a scandire le lettere, copiarle e a colorare le figure stando dentro i contorni.
I suoi esordi come scrittore, andati persi tra un trasloco e l’altro, consistevano soprattutto in brevi racconti che parodiavano le favole dei fratelli Grimm. Ricorda ancora di aver scritto, fino alla quinta elementare, una storia ad episodi su tre astute scimmiette (una cieca, una muta e una sorda… come da tradizione) e un leone pasticcione che cercava invano di mangiarsele. Negli anni seguenti, parallelamente all’evolversi delle sue letture (ha saccheggiato la Biblioteca Comunale, leggendo tutto quello che gli capitava sotto gli occhi, tant’è che i suoi compaesani lo ricordano sempre con un libro sottobraccio), ha composto alcuni racconti di ogni genere: dal fantasy allo psicodramma. Durante l’ultimo anno del Liceo Scientifico ha scritto una storia di fantasmi con cui ha partecipato ad un Concorso Letterario Comunale. Per quell’opera gli è stata consegnata una targa e finora è l’unico riconoscimento che ricevuto per le sue fatiche letterarie. Molti anni dopo, mentre cercava di laurearsi in Scienze Naturali, ha incorporato quella novella in un romanzo, oggi pubblicato con il titolo L’alba del sacrificio.
Subito dopo la laurea, nel tempo libero post-lavorativo, ha iniziato a scrivere la prima bozza di un romanzo breve: La vendetta è un gusto. La cosa più autobiografica che abbia mai scritto.
C’era una volta in Sardegna è il terzo romanzo che pubblica con EEE-book, come i precedenti.
Attualmente vive, lavora e scrive in Valle d’Aosta.

ISBN 978-88-6690-278-2

Autore: Alessandro Cirillo – Giancarlo Ibba

Link all’acquisto: EEE

Related Articles

Melodramma nostrano

ROMANZO STORICO

Post a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

10 + diciannove =

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Angelus di sangue di Alessandro Cirillo e Giancarlo Ibba

 

Dettagli prodotto

  • Formato: Formato Kindle
  • Dimensioni file: 1255 KB
  • Lunghezza stampa: 340
  • Editore: Edizioni Esordienti E-book (6 dicembre 2015)
  • Venduto da: Amazon Media EU S.à r.l.
  • Lingua: Italiano
  • ISBN: 978-88-6690-278-2

 

Descrizione prodotto

Sinossi

Il Palazzo Apostolico in Vaticano è certamente uno dei luoghi più monitorati al mondo, ma è davvero impenetrabile ad un attacco terroristico? Dalle penne di Alessandro Cirillo e di Giancarlo Ibba è nato un romanzo d’azione dai ritmi serrati e convulsi, denso di colpi di scena, in cui si misurano due grandi protagonisti: il terrorista afgano Fawaz, intelligente e crudele, ma con fortissime motivazioni all’azione e all’odio, e Bruno Majo, un diacono che sta per essere ordinato sacerdote, ma che ha un passato da militare addestrato e un terribile segreto da custodire.

Tags:

Related Articles

5 recensioni per Angelus di sangue

  1. Valutato 5 su 5

    Oliviero Angelo Fuina

    Questo intenso e avvincente romanzo di Giancarlo Ibba e Alessandro Cirillo è sicuramente un progetto ambizioso onorato e portato a compimento nel migliore dei modi.
    L’ipotesi drammatica e suggestiva sulla quale si poggia l’intera trama è sviluppata in maniera altamente verosimile e quindi credibile. Le pagine si susseguono a ritmo incalzante, quasi da togliere il fiato al lettore, e l’uso di efficaci “flash back” arricchiscono adeguatamente la profondità di ogni personaggio coinvolto in questa vicenda che, potenza delle loro penne, si fatica a credere di fantasia.
    Un attentato terroristico in Vaticano con nientepopodimeno che il papa (Giulio IV, al secolo Pietro Romano, non casualmente come da profezie in auge) in ostaggio di un manipolo di terroristi, capitanati dall’afgano Fawaz è uno scenario quasi impossibile da narrare attendibilmente. Quasi. Ma i due autori vincono a piene mani questa sfida, grazie alla loro maestria narrativa e a un grande lavoro di ricerca che traspare dalla fluidità di ogni fase di questo attentato terroristico “impossibile” trasposto in questa intensa realtà letteraria. Una vicenda da sempre considerata quasi un “taboo” solo pensarla di metterla su carta.
    I due autori lo fanno ponendo l’evento in un futuro molto prossimo, nel 2019, sfidando incubi e timori di un verificarsi reale di tale azione terroristica sempre più ventilata come possibile obiettivo da parte dell’estremismo islamico più fanatico.
    Merito quindi anche al loro coraggio di mettere la propria logica e fantasia creativa al servizio di un tema drammaticamente scottante e attuale.
    “Angelus di sangue” è un romanzo che ho letteralmente divorato e che mi sento di consigliare a tutti gli amanti di romanzi d’azione e di personaggi che rappresentano intensamente il male in numerose sfumature da una parte e gli eroi (in altrettanti chiaroscuri psicologici) quasi senza nome dall’altra.
    Indimenticabile!

  2. Valutato 5 su 5

    CINZIA MOREA

    Non lascia il tempo di fermarsi a riflettere la scrittura di Alessandro Cirillo e Giancarlo Ibba, brevi capitoli che presentano situazioni via via più drammatiche si susseguono incalzanti presentando uno dopo l’altro i protagonisti, coinvolti in un tragico blitz terroristico in Vaticano.
    Le pagine inchiodano il lettore alla poltrona dove, con una coperta sulle ginocchia, si sentirà a tal punto trascinato dai ritmi serrati dell’azione da sentirsi tumultuare il sangue nelle vene a causa di un aumento dell’adrenalina in circolo.
    Romanzo d’azione perfettamente orchestrato non mostra forse particolare originalità nell’ambientazione – dopo la fine della guerra fredda la contrapposizione tra Sovietici e NATO ha perso ovviamente mordente in letteratura, ma gli eventi che stiamo vivendo offrono agli scrittori di thriller la facile possibilità di ricamare sul contrasto tra lo spensierato attaccamento di una parte del globo al proprio stile di vita e l’esasperata voglia di rivalsa di un’altra- ma rappresenta tristi inquietudini del nostro tempo. I protagonisti, pedine in eventi più grandi di loro, presentano tutti una loro precisa individualità; gli autori ne abbozzano il carattere in pochi tratti, sfuggendo alla trappola degli stereotipi. Perfino il capo del commando terroristico acquisisce una propria, distorta umanità, a differenza dei giornalisti che sembrano, in assoluto, i personaggi più negativi del romanzo.

  3. Valutato 5 su 5

    Luca

    Angelus di sangue è un thriller d’azione che scorre con un ritmo elevatissimo senza mai annoiare. Fa perdere il sonno e tiene incollati fino all’ultima pagina.
    Scritto con uno stile crudo e senza fronzoli, si spinge dove nessuno ha mai osato prima: un attacco terroristico al Vaticano, un’intrusione violenta resa possibile da odio, rancore, avidità. Debolezze a cui nessuno è immune, neanche gli uomini di chiesa e i loro fedelissimi.
    Assolutamente consigliato.

  4. Valutato 4 su 5

    Elena G.

    Gli autori sono audaci. Viviamo in tempi in cui sentiamo di attacchi terroristici nel cuore dell’Europa e ci stiamo abituando all’idea che questo può avvenire improvvisamente, in modo imprevedibile e feroce. Immaginare però un attacco terroristico in Vaticano, con il Papa come ostaggio, sa di tabù, come se ci fossero luoghi e personalità che nemmeno nell’immaginazione possono essere toccate. Questo tabù, Cirillo e Ibba l’hanno coraggiosamente abbattuto e vinto. Più che spingere l’immaginazione oltre un ragionevole confine, gli autori ci riportano alla cruda realtà, dove l’happy ending non è affatto scontato. La lettura scorre facile e fluente, segno di uno stile di scrittura abile ed efficace. Bravi Cirillo e Ibba, leggerò le vostre future produzioni.

  5. Valutato 5 su 5

    Claudio Oliva

    Questo romanzo non ti da pace, la noia non esiste ed è ciò che ci si aspetta ma trovi molto di più: avvenimenti incalzanti, episodi del passato inseriti a tempo e con precisione chirurgica in una trama che pare un centro tavola fatto al ricamo, idee fresche e fantasiose, scrittura sciolta e dialoghi brillanti.
    Sacrosanto come l’Angelus ciò che è scritto verso la fine: è la possibile trama di un originalissimo lavoro cinematografico di sicuro successo.

Aggiungi una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

15 − sette =

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

  • Disclaimer

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Il materiale pubblicato è copyright delle case editrici, degli autori e delle agenzie che ne detengono i diritti. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro.

  • Copyright

    Il materiale fotografico, loghi e quant’altro utilizzato all'interno del blog è stato reperito da fonti pubbliche, oppure è stato reso disponibile da terzi.
    Qualora per errore siano presenti immagini o contenuti protetti da copyright, si invita gli interessati a darne immediata comunicazione in modo da procedere alla rimozione tempestiva.

  • Privacy e Cookie policy

    Privacy Policy
  • Informazioni

    Edizioni Esordienti E-book di Piera Rossotti
    Strada Vivero, 15
    10024 Moncalieri - Torino

    [email protected]
    P.E.C. [email protected]

    011-6472110 - ore ufficio

    Partita IVA 10585010019
    Cod. Fisc. RSSPRI51R68L445X
    REA TO-1145737