Promozione

Tecniche per spy story… poi si può aggiungere il talento!

Cari Lettori e Autori,
eccoci di nuovo all’appuntamento settimanale con i video, per chi ha la pazienza e la voglia di seguirli, e con qualche notizia editoriale.
Questa settimana parliamo di spy story e, come sempre, di lettura e scrittura consapevoli: è il sessantesimo video della serie! Ma si impara a leggere e a scrivere soltanto facendolo, o almeno si imparano le tecniche, il talento è un qualcosa di più che, se c’è, può fare molto. Ma, senza la tecnica, il talento non basta.
Nel video parliamo di una spy story molto famosa, Il Codice Rebecca di Ken Follett, ma vorrei segnalarvi tre nostri ebook in promozione, la cui lettura, vi assicuro, sarà molto godibile, anche se i nomi degli autori sono meno conosciuti (per ora):

Emanuele Gagliardi, Nero pesto (Offerta Lampo Kindle e promo su tutti gli store soltanto il 21 gennaio). Roma, 1979. Sono gli anni in cui eversione nera e terrorismo rosso insanguinano la Capitale aggiungendosi agli attacchi diretti allo Stato culminati nel rapimento e uccisione di Aldo Moro. Omicidi, sequestri, rapine, violenze hanno spesso connotazione ideologica e così, quando un portinaio di 60 anni iscritto al MSI, Alfredo Mancini, viene trovato morto, orrendamente mutilato, il commissario capo della Squadra Mobile Umberto Soccodato si indirizza senza esitare sulla pista politica, benché le caratteristiche del delitto lascino ipotizzare un movente passionale forse omosessuale. Qualche giorno dopo, nello stesso stabile, avviene un secondo omicidio. A parte il teatro dei delitti e le simpatie destrorse delle vittime, non parrebbe esserci un comune denominatore tra i due casi. Ma è davvero così? Soccodato e i suoi collaboratori si muovono non senza grossi rischi e affanni nel sottobosco del terrorismo neofascista che per le sue aderenze con gli ambienti istituzionali e con la grande criminalità capitolina si rivela un nemico quanto e forse più insidioso delle temibili e meglio organizzate formazioni eversive di sinistra.

Alessandro Cirillo e Giancarlo Ibba, Angelus di sangue: (promozione fino alla fine del mese su tutti gli store) Il Palazzo Apostolico in Vaticano è certamente uno dei luoghi più monitorati al mondo, ma è davvero impenetrabile ad un attacco terroristico? Dalle penne di Alessandro Cirillo e di Giancarlo Ibba è nato un romanzo d’azione dai ritmi serrati e convulsi, denso di colpi di scena, in cui si misurano due grandi protagonisti: il terrorista afgano Fawaz, intelligente e crudele, ma con fortissime motivazioni all’azione e all’odio, e Bruno Majo, un diacono che sta per essere ordinato sacerdote, ma che ha un passato da militare addestrato e un terribile segreto da custodire.


Alessandro Cirillo, Schiavi della vendetta
(promozione fino alla fine del mese su tutti gli store): Durante un’operazione militare in Somalia, il sergente Loiacono stupra una giovane donna con la complicità di alcuni commilitoni, mentre Samuel Pagano, uno dei soldati al comando di Loiacono, pur volendolo, non trova coraggio sufficiente per contrastare il gesto scellerato del suo superiore e dei suoi compagni.
Vent’anni più tardi, le vite dei protagonisti di quel turpe episodio hanno preso strade diverse: Pagano, ad esempio, si è laureato ed è diventato un importante uomo d’affari e un buon padre di famiglia; Loiacono, sempre scapolo alla ricerca di dubbie avventure con donne conosciute occasionalmente o prostitute, ha fatto carriera in politica ed è addirittura indicato come futuro presidente del Consiglio. Eppure, qualcuno non ha dimenticato, vorrà pareggiare i conti e lavare col sangue l’oltraggio subito nel passato dalla giovane somala e tenterà di farlo mettendo in campo tutta la sua rabbiosa determinazione e il suo odio cresciuto nel tempo.
Schiavi della vendetta è un romanzo denso d’azione, dal ritmo incalzante, pagina dopo pagina.

Questi libri sono anche in formato cartaceo e, se li ordinate dal sito EEE, senza spese di spedizione.

Buona lettura!

Piera Rossotti Pogliano

Gen 31, 2017

Anche EEE partecipa all’iniziativa #SaldiInvernali

Diversi titoli in versione digitale e cartacea sono presenti nelle liste che compongono l’iniziativa promossa da Blog Crossing per promuovere autori italiani emergenti ed esordienti.

Non potevamo mancare a questo appuntamento, i libri EEE che partecipano a questo evento sono presenti su StreetLib, Kobo, Amazon e IBS, mentre per la versione cartacea l’acquisto è possibile solo attraverso il sito.

Eccovi, dunque, i nostri libri in offerta.

Cartacei in promo con sconto del 30% sul prezzo di copertina

e senza spese di spedizione

 

 

AA.VV. Bugie e verità
Angelica B. L’iniziazione
Baraldi Davide Swatch
Cirillo A. – Ibba G. Angelus di sangue
Cirillo Alessandro Schiavi della vendetta
Cobino Giancarlo Buon Governo
Cuniberti Paolo Indagine su Anna
Freddi Marcello Un mondo perfetto
Fuina Angelo Oliviero Poesie uroboriche
Gagliardi Emanuele Nero pesto
Ibba Giancarlo C’era una volta in Sardegna
Leonelli Andrea La selezione colpevole
Leonelli Andrea Aperti ermetismi
Licari Massimo Paralleli
Mannino Simonetta L’odore della felicità
Panova Maino Irma La resa degli innocenti
Panova Maino Irma Le risonanze della folgore
Panova Maino Irma Scintilla vitale
Panova Maino Irma Il peccato di Rennahel
Peschiera Caterina Pacific Vortex
Ponticelli Alessandra Un solo colpevole
Prever Pietro Ludovico Il pescatore
Pulcini Franco Il maltempo dell’amore
Raffa Nino La bomba di Majorana
Russo Nunzio La voce del Maestrale

 

E-book in promo su Amazon, Kobo, IBS, EEE e Streetlib

 

AA.VV. Bugie e verità
Andres Roberta Le foto di Tiffany
Baraldi Davide Swatch
Cirillo A. – Ibba G. Angelus di sangue
Cirillo Alessandro Schiavi della vendetta
Cirillo Alessandro Attacco allo Stivale
Cobino Giancarlo Buon Governo
Cuniberti Paolo Indagine su Anna
Curione Chiara Il tramonto delle aquile
Freddi Marcello Un mondo perfetto
Fuina Angelo Oliviero Poesie uroboriche
Grilli Elena Come il mare ad occhi chiusi
Ibba Giancarlo C’era una volta in Sardegna
Leonelli Andrea La selezione colpevole
Leonelli Andrea Aperti ermetismi
Leonessa Manuela Sarà mica per sempre
Licari Massimo Paralleli
Lorne Danae Cuore mancino
Lorne Danae Il canto delle cicale
Lorne Danae Sottopelle
Lorne-Vinci L’anno che portavi i capelli corti
Mazzarini Maria Luisa Si aprano le danze
Mazzarini Maria Luisa Ci basterà il mare
Mereu Francesca Profondo Sud
Oliva Claudio Il sogno segreto di Zekharia Blum
Panova Maino Irma La resa degli innocenti
Panova Maino Irma Le risonanze della folgore
Panova Maino Irma Scintilla vitale
Panova Maino Irma Il peccato di Rennahel
Peschiera Caterina Pacific Vortex
Ponticelli Alessandra Un solo colpevole
Prever Pietro Ludovico Il pescatore
Pulcini Franco Il maltempo dell’amore
Raffa Nino La bomba di Majorana
Russo Nunzio La voce del Maestrale
Zella Alberto Il paese dal cuore fumante

 

Gen 27, 2017

L’Anno Nuovo è iniziato, portando con sé speranze e sogni da realizzare.

E noi partiamo dal presentarvi il libro del vincitore del concorso per sillogi poetiche. Oliviero Angelo Fuina e il suo Poesie uroboriche.

Un titolo un po’ particolare, non vi pare? Se non altro per il termine uroboriche che non è così usuale. Partiamo da questo, allora, dalla spiegazione di che cosa significa uroboro.

poesie-uroboricheL’uroboro è un simbolo a forma di cerchio, rappresentato di sovente da un animale (di solito un serpente o un drago) che si morde la coda, chiudendosi su se stesso. Tale simbolismo si trova spesso nelle arti magiche e nell’alchimia ma, a parte gli ovvi presupposti suggestivi, l’uroboro è il ciclo della vita e, dunque, dell’eternità. Quindi, come meglio definire la Poesia stessa se non un rinnovarsi ciclico dell’esistenza? Il passaggio infinito che porta il Poeta a ritrovare la propria interiorità attraverso il vissuto, il passato, il sentito? La parola diviene il veicolo attraverso il quale l’anima si ripiega verso l’IO, trascinando con sé il lettore, formando quel connubio che lega l’espressione verbale alla comprensione.

Fuina ha espresso la propria arte esaltando l’immortalità dei versi, come se la Poesia non avesse bisogno altro che di se stessa per giungere a destinazione e nutrirsi del proprio potere evocativo. È il ritorno all’origine più pura della parola, quella che aleggia fra le righe di questa silloge, ovvero scoprire le radici del valore poetico intrinseco che non necessita di artificio alcuno per coinvolgere emozioni o sentimenti.

E, per restare in tema di ciclicità, siate sempre voi stessi, restando fedeli ai vostri ideali e ai vostri sogni, in modo che quanto giunge all’esterno, alla sensibilità degli altri, possa rappresentare la vostra vera essenza e possa tornare a voi attraverso nuova energia.

Buon Inizio di Anno a Tutti!

 

Gen 04, 2017

happy-new-year-2zxda-4sbqc-normalFinisce il 2016 e inizia il 2017

Siamo a fine anno, ormai è assodato. Anche se dovessimo vivere in una scatola, saremmo comunque circondati da notizie che segnano il termine di questa maratona di 366 giorni… Eh sì, questo è stato un anno bisestile e anche se non è stato così catastrofico, come le previsioni di solito amano dire, è innegabile il fatto che qualche intoppo lo ha creato. Per fortuna la nostra Editora, indomita e incrollabile, non si è lasciata di certo influenzare da un anno “bisesto” o da qualche presagio un po’ nefasto.

Tuttavia, l’editoria italiana non è stata così fortunata e qualche brutto colpo lo ha preso, un esempio fra tutti il Salone di Torino. A proposito, noi, nel 2017 ci saremo, quindi iniziate ad organizzarvi già da ora ed evitate di decidere all’ultimo minuto quello che vorrete fare in merito. E ricordatevi che se non verrete a trovarci, vi perderete comunque una bella occasione per scoprire quale strano addobbo avremo in testa quest’anno.

Dicevamo che il 2016 sta per finire, per l’Oroscopo cinese entreremo nell’anno del Gallo e per quello “normale” avremo Giove che passerà di segno e Saturno che abbandonerà il Sagittario per andarsene in Capricorno… va bene, non c’interessa e, in fin dei conti, siamo noi che influenziamo la nostra esistenza oppure è l’esistenza che influisce sul nostro modo di agire?

La domanda marzulliana la lascio a voi, io mi ritiro per questo ultimo sprint, portando con me qualche nuova uscita EEE da gustare. Ci rivediamo l’anno prossimo!

Buon fine 2016 e che il 2017 porti tanti sorrisi, gioia e serenità a tutti!

 

 

Dic 29, 2016

buon-natale-eeeUn sereno Natale a tutti!

In occasione delle festività natalizie gli auguri fioccano da ogni dove. Le frasi e e le parole riempiono i social network, le pagine dei blog e dei siti, le caselle di posta, intasano i messaggi di whatsapp, il servizio messanger di Facebook e qualsiasi altra chat fornita da qualche gestore. E vi sono coloro che, inevitabilmente, odiano o amano questo momento. EEE augura un sereno Natale a tutti voi che siete amanti della parola, a tutti quelli che costruiscono storie in grado di far sognare gli altri, a coloro che dispensano se stessi attraverso gli scritti che tramandano.

Augura Buon Natale anche ai propri lettori, promettendo che cercheremo sempre di fare del nostro meglio per offrire loro libri straordinari, curati e di qualità. Un patto che dura ormai da qualche anno e di cui andiamo fieri. Un orgoglio che, però, è dato soprattutto dalle capacità dei nostri autori e dalla lungimiranza del nostro editore.

Dunque, un sereno Natale a tutti voi, che sia portatore di gioia e di quel calore intimo così necessario all’essere umano. Buon Natale ai vostri cari e a tutte le persone che vi sono vicine. E Buon Natale anche a tutti quelli che ci seguono, trovando fra le pagine di questo blog le risposte ai quesiti che si pongono.

Un sereno Natale a tutti!

 

Dic 24, 2016

a-natale-regalati-la-poesiaA Natale regalati la Poesia

A Natale regalati la Poesia e lascia che l’atmosfera natalizia possa portarti ad assaporare le emozioni che i nostri Poeti sono in grado di suscitare. Ma non solo. Perché non pensare di farne dono anche ad altri?

Davvero è così anacronistico regalare una silloge poetica a qualche animo gentile, capace di apprezzare il lato sentimentale della vita? E non pensate che la Poesia si racchiuda nelle parole sole/cuore/amore, in realtà c’è molto di più e i nostri Poeti lo sanno bene.

Andrea Tavernati compone haiku, Maurizio Donte segue una metrica precisa, Marina Atzori scava nel profondo, Elisabetta Bagli parla alle donne, Andrea Leonelli risale dalle tenebre, Oliviero Angelo Fuina ritrova se stesso e la sua arte poetica, Gastone Cappelloni elogia la femminilità, Maria Luisa Mazzarini s’immerge in ciò che la circonda. Ogni lettore può trovare il componimento che meglio tocca le corde del proprio animo o soddisfa l’umore del momento.

Dunque, non lasciatevi sfuggire questa occasione, anche solo per scoprire quali sono gli argomenti trattati dai poeti moderni, perché non di solo classicismo si vive.

Dal 12 al 19 Dicembre approfitta della promozione su Amazon, Kobo, StreetLib e regalati la Poesia

 

Dic 12, 2016

L’importanza di fare squadra

Quando gli sforzi congiunti portano a risultati concreti.

13233087_1776637969221654_6225253969881947743_n

Ve ne abbiamo già parlato e abbiamo approfondito l’argomento anche nel corso del Salone del Libro, dando voce alla nostra esperienza. Tuttavia, abbiamo preferito che fossero proprio gli autori a raccontare il loro punto di vista, a spiegare al pubblico presente quali benefici hanno tratto dal far parte di un “insieme”, di un gruppo omogeneo, compatto, in grado di supportare i colleghi. Ed è stato proprio nel corso della conferenza stampa che Giancarlo Ibba ha coniato uno slogan che diventerà presto il simbolo di quanto stiamo condividendo con tanti altri scrittori, anche se non strettamente facenti parte di EEE: Si scrive da soli, si pubblica insieme.

In questa frase è racchiusa una filosofia che non vuole essere solo un identificativo della Casa Editrice, ma un motto che può essere adattabile a chiunque. Non abbiamo la pretesa di aver scoprire l’antidoto che sarà in grado di salvare l’editoria, ma da qualche parte bisogna iniziare. Personalmente ho chiuso la conferenza con un riassunto che al meglio sintetizza il nostro operato, ovvero con i risultati che abbiamo ottenuto fino a ora, visibili tra l’altro su Amazon, traguardi raggiunti in pochi anni, da quando EEE ha aperto i battenti, che non sono da sottovalutare. In sostanza, se non pensate che “fare squadra” sia una filosofia condivisibile, allora credete almeno alle classifiche dello store più importante al mondo.

Tuttavia, questo sforzo congiunto non avrebbe senso se non vi fosse alla base il fattore umano. Molti di noi condividono anche la stessa convinzione che essere uniti non significhi solo ricondividere sui social il post di un collega o passare a mettere un “mi piace” sulla sua bacheca. Essere uniti significa anche appoggiarsi nei momenti di difficoltà, aiutare a dipanare un nodo nelle trame, trovare escamotage per far funzionare una storia arenata, aprirsi al confronto e diventare attenti ascoltatori di quanto gli altri hanno da dire. Noi non vogliamo essere isole in un oceano che sommerge il singolo. Al momento siamo un arcipelago, fatto di tante piccole realtà che possono, però, costituire un punto fermo per chiunque voglia approdare alle nostre rive. E cresceremo ancora, perché vogliamo poter condividere, con chiunque voglia ascoltarci, quello che abbiamo imparato e la nostra esperienza.

Perché la conoscenza, se non è condivisa e diffusa, non serve a nulla.

Dunque, restate sintonizzati con noi, con i nostri autori e con il nostro Editore, perché avremo molte novità da raccontarvi nel prossimo futuro!

 

Mag 24, 2016

Quando autori ed editore «fanno squadra». Il prossimo evento sarà al Salone di Torino

pizap.com14605809236211

Anche quest’anno, nel corso del Salone Internazionale del Libro di Torino, EEE indice una conferenza in cui non solo spiega la propria filosofia ma offre un punto di vista prezioso a quanti cercano di affacciarsi sul mondo editoriale, senza alcuna esperienza che li possa aiutare e senza alcuna informazione realmente utile.

Sabato 14 maggio, alle ore 18.30, presso la Sala Argento, EEE riunirà ancora una volta i propri autori e affronterà, insieme a loro, una delle tematiche più sentite: l’interazione fra la Casa Editrice (intesa come Editore e gli Autori appartenenti) e il mondo esterno. Molte volte ci siamo chiesti (e molti di voi lo hanno fatto) quale fosse realmente il compito e il dovere di un autore nei confronti del proprio editore e dove iniziasse (e soprattutto finisse) la collaborazione che spesso viene richiesta, anche a livello contrattuale, all’autore per contribuire alla propria promozione. La domanda, benché legittima, in realtà parte da un presupposto secondo noi errato, quanto meno deviato, dal suo effettivo significato, da atteggiamenti purtroppo consolidati e spesso reiterati da parte di molti editori.

Cosa significa collaborare e rendersi oggettivamente disponibili alla promozione? Significa forse organizzarsi gli eventi da soli? Pubblicizzarsi da soli? Cercare in rete, in lungo e largo, blogger disposti a recensire, intervistare o anche solo segnalare le ultime uscite? Quanto di questo lavoro è affidato alle sole cure degli autori e quanto spetta alla CE?

EEE, nel corso degli anni, ha cercato di trovare il giusto equilibrio fra quelli che erano i propri mezzi e le esigenze legittime degli scrittori pubblicati. Non basta immettere sul mercato un testo più o meno valido, arricchito da una copertina accattivante e da un prezzo abbordabile. Non bastano nemmeno quel paio di segnalazioni che vengono fatte sui vari social oppure uno spam fatto a tappeto, sperando di prendere le persone per sfinimento. Nessuna delle vecchie regole funziona ancora. Tutti i social sono inondati giornalmente da nuovi titoli, nuovi autori, nuove promozioni e offerte. Quindi come distinguersi e come giungere alla tanto famigerata visibilità che tutti cercano e pochi trovano?

Piera Rossotti, donna lungimirante, ha capito, fin da subito, che l’unica forza a disposizione di un piccolo editore, oltretutto digitale, era la reale capacità di formare una squadra di autori in grado di poter cooperare, sostenersi e creare quella forza d’urto in grado di giungere là dove il singolo non sarebbe potuto arrivare. E gli autori, a loro volta, anche se scettici all’inizio, hanno compreso i benefici che questa azione ha effettivamente portato, rendendoli non solo visibili, ma appetibili sia per un mercato già inflazionato sia per editori più blasonati.

Dunque, qual è il segreto di questa ricetta ben riuscita? Venite a scoprirlo nel corso della conferenza stampa che si svolgerà Sabato 14 maggio, alle ore 18.30, presso la Sala Argento al Salone del Libro!

Evento su Facebook

 

Apr 13, 2016

concorso poesia logo

Quarta edizione del concorso EEE per gli autori “non ancora famosi”

EEE-book indice un concorso per la selezione di sillogi poetiche.

1) La partecipazione è gratuita; ogni autore può partecipare con una sola silloge.

2) Le sillogi, in formato .doc/.docx e .odt (no pdf), carattere Times New Roman 12, dovranno essere composte da un minimo di 30 a un massimo di 50 poesie e inviate in allegato a una mail indirizzata a [email protected]; la mail dovrà obbligatoriamente contenere nome, cognome, indirizzo, data di nascita dell’Autore, nonché la dichiarazione che l’opera inviata è frutto del suo ingegno ed assolutamente inedita (anche su internet). Le sillogi non rispondenti ai requisiti richiesti non verranno prese in considerazione.

3) La Giuria sarà composta dai poeti: Andrea Leonelli (Presidente), Elisabetta Bagli, Gastone Cappelloni, Maurizio Donte, Andrea Tavernati e dall’editore Piera Rossotti Pogliano; il giudizio è inappellabile e il premio, in mancanza di opere valide, può non essere assegnato. I giurati esprimeranno in modo autonomo le loro valutazioni e, in caso di parità, prevarrà il voto del Presidente della Giuria.

4) Tra le opere pervenute entro il termine improrogabile del 15 settembre 2016, saranno scelti tre vincitori; la proclamazione avverrà entro il 31 ottobre 2016, tramite comunicato sul blog della Casa Editrice, la pagina Facebook di Edizioni Esordienti e del Rifugio degli Esordienti, nonché tramite i principali gruppi FB dedicati all’e-book; i vincitori saranno inoltre avvertiti via mail.

5) Il premio consiste nella pubblicazione gratuita, con regolare contratto, dell’opera in formato e-book per tutti e tre i vincitori, a cui si affiancherà, solo per il primo classificato, anche la pubblicazione cartacea (20 copie gratuite per l’Autore). Gli e-book saranno distribuiti su tutti i webstore raggiunti dalla piattaforma StreetLib Publish (ex Stealth), https://www.streetlib.com/it/publish/, l’edizione cartacea tramite il sito www.edizioniesordienti.com e tramite Amazon.it.

6) Tutto quanto non specificato nel presente Regolamento è a discrezione della Giuria.

Informativa per la tutela della privacy (Legge 675/96 Art. 10)- I dati indicati saranno oggetto di trattamenti informatici o manuali esclusivamente nell’ambito delle nostre iniziative. Il trattamento verrà effettuato in modo da garantire la riservatezza e la sicurezza. I diritti dell’interessato sono quelli previsti dalla citata Legge.

L’invio del materiale richiesto per il concorso dichiara l’implicita accettazione del bando in tutte le sue parti e l’accettazione del trattamento dati come da informativa sulla Privacy.


Concorsiletterari.net banner

Mar 07, 2016

Il POS è una realtà ancora lontana per i piccoli editori

di Piera Rossotti Pogliano, Direttore editoriale EEE

McNally Espresso Machine

McNally Espresso Machine

Chiariamo anzitutto i termini: parliamo di POS (Print On Sale) quando è possibile stampare una singola copia cartacea di un libro che è appena stato acquistato (sono acquisti che avvengono online, ma potrebbero benissimo essere effettuati anche in libreria) e spedirla all’acquirente, mentre definiamo POD (Print On Demand) le piccole tirature (da 10 copie in su).

Come editore di e-book, il POS mi attira molto, perché sarebbe il modo per far arrivare tutti i libri che pubblico anche a chi, per scelta personale, abitudini e per qualsiasi altro motivo vuole leggere il cartaceo. In questo modo, ogni titolo sarebbe sempre disponibile, senza andare mai in esaurimento.

I vantaggi ci sarebbero per tutti, a mio parere: gli autori sarebbero senza dubbio soddisfatti, ma anche i piccoli editori, che non dovrebbero affrontare gravose spese di stampa, magazzino, distribuzione, recupero dei resi da mandare al macero. E gli stampatori? Ritengo che potrebbero ragionevolmente ammortizzare l’investimento iniziale e guadagnare anche loro, perché il problema non sarebbe quello di stampare tante unità dello stesso titolo, ma quello di arrivare a stampare tante unità, anche di moltissimi titoli diversi.

Purtroppo, la filiera stampa-distribuzione al momento non viene ancora incontro alle esigenze innovative degli editori e il POS (e il POD di una decina di copie) può al massimo soddisfare l’autore che si autopubblica e che è disposto a investire un po’ di denaro anche sapendo che difficilmente riuscirà a recuperare il suo investimento.

Alle mie precise domande a un addetto del settore tipografico, che non ha voluto apparire direttamente, mi ha confidato, sulla base della sua personale esperienza, che la stampa digitale ha la possibilità tecnica di realizzare una singola copia, anche a dei prezzi contenuti, ma i costi di gestione, intesi come presa in carico dell’ordine, inserimento nel cassetto della carta desiderata, gestione della plastificazione della copertina ecc. hanno costi superiori alla vera e propria produzione.

Espresso Book Machine

Espresso Book Machine

Quindi il POS in tipografia arriva ad avere un costo troppo alto per un editore, il quale dovrebbe pagare una somma X per la presa in carico dell’ordine e la verifica del file (Amazon chiede 40 € a titolo), fornire la copertina e il testo impaginato (e questo ha dei costi, variabili, ma comunque non trascurabili), tener conto delle spese di spedizione, a fronte di ricavi bassissimi, che saranno naturalmente da dividere con gli autori. Grosso modo, ognuno dei miei titoli richiederebbe un investimento medio che potrebbe essere recuperato soltanto con la vendita effettiva di 400/500 copie cartacee di ogni singolo titolo reso disponibile per il POS e soltanto con vendite superiori comincerebbe il guadagno. Impensabile.

Le aziende di stampa che si fregiano del POS – continua l’addetto ai lavori che ha accettato di rispondermi senza peli sulla lingua –“in realtà non sono in grado di produrlo in modo economicamente conveniente e quindi se ne inventano di ogni tipo, ad esempio mettono insieme, per lo stesso editore, tanti singoli volumi con le medesime caratteristiche, oppure si impegnano a dare quel servizio per produrre le tirature più interessanti e realizzano le singole copie a tempo perso.”

L’unico modo per rendere economicamente conveniente la produzione sarebbe automatizzare totalmente il processo, ma questo comporta una standardizzazione dei prodotti, stessa carta, formato, no plastificazione della copertina ecc…

Sinceramente, come editore che cura con maniacale attenzione anche le piccole tirature da 50 copie, facendo le copertine con le alette, utilizzando carta di marca e di alta grammatura e curando l’impaginazione e la correzione della bozza (faccio una bozza cartacea preliminare da ricorreggere anche per le piccole tirature, eppure il prezzo rimane molto inferiore a quello dei POS) sarei molto restia a mettere il mio marchio su un prodotto sul quale non avrei praticamente nessun tipo di controllo. Ci sono alcune ditte che, per il POS, richiedono la sola immagine della prima di copertina: il che significa che il libro finale non avrà quarta di copertina e, per ben che vada, sarà stampato su carta buona al massimo per le fotocopie da ufficio. Io non sarei soddisfatta e, ritengo, neppure l’autore.

Un altro problema che non viene mai affrontato dal POS è il deposito legale, che in Italia esiste, non è da trascurare e compete al responsabile della pubblicazione: se il singolo autore può permettersi di rischiare una multa (che può arrivare a 1500 € a titolo), lo stesso non può fare l’editore che pubblica 50-80 titoli all’anno, che quindi dovrebbe acquistare le copie necessarie come un qualunque acquirente, per poi provvedere ad inviarle alle Biblioteche preposte, con i necessari documenti di accompagnamento, e anche queste sono altre spese da considerare.

Insomma, siamo ancora in alto mare.

Eppure, sono sempre più convinta, il futuro del libro di carta del piccolo editore sarà sempre più un futuro POS, magari stampato in Cina…

 

Mar 03, 2016
  • Disclaimer

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Il materiale pubblicato è copyright delle case editrici, degli autori e delle agenzie che ne detengono i diritti. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro.

  • Privacy e Cookie policy

    Privacy Policy
  • Informazioni

    Edizioni Esordienti E-book di Piera Rossotti
    Strada Vivero, 15
    10024 Moncalieri - Torino

    [email protected]
    P.E.C. [email protected]

    011-6472110 - ore ufficio

    Partita IVA 10585010019
    Cod. Fisc. RSSPRI51R68L445X
    REA TO-1145737