Crea sito

Vita d’autore

Chi è stressato alzi la mano

overwhelmed-1024x1024

Chi non vuole più esserlo alzi anche l’altra

di Manuela Leonessa

Lo stress rischia di compromettere la tua vita?

Se la meditazione trascendentale non fa per te, se la New Age da sempre ti lascia un po’ perplesso, se l’omeopatia ti convince, ma fino ad un certo punto, ci sono due cose che puoi ancora fare: tenerti lo stress o leggere questo articolo.

Ho un paziente, nome fittizio Marcello, che ritiene di essere l’uomo più stressato del mondo.
Che sia vero o no per lui è importante che io gli creda, perché se anche il primato non fosse reale, la sua sofferenza lo è.
Al nostro primo incontro l’ansia lo divora, per contrastarla ingurgiterebbe qualunque cosa, caramelle, sigarette, unghie, ma davanti a me non osa, se ne sta perciò in mezzo alla stanza con la bocca aperta in attesa di qualcosa. Non è un bello spettacolo, davvero, ma io sono una professionista perciò lo accolgo con un sorriso, e come se fosse il principe azzurro lo invito calorosamente a sedersi di fronte a me.

Chiedo ― Quand’è che si sente più stressato?

Sempre.― mi risponde, duro,  come se fosse colpa mia.

Con i “sempre” e con i “mai” si lavora male, non si sa bene da che parte afferrarli, perciò alla ricerca di una qualsiasi maniglia obbietto ― “Sempre”, è un sacco di volte. Me ne racconti una.

Marcello boccheggia, sembra un branzino alla ricerca d’ossigeno  ― Al lavoro.

Con un sorriso lo incoraggio a raccontare, ma è evidente che non ne ha nessuna voglia. Si agita sulla sedia, vorrebbe essere da un’altra parte. Si porta le mani alla testa lentamente senza impazienza e senza emozione.  Mi confida ― A volte ho paura di impazzire. Dottoressa, è possibile che io stia diventando pazzo?

La sensazione di diventare pazzo è quasi normale nelle persone molto stressate.― lo rassicuro ― È solo una sensazione, mi creda. Ma mi parli del suo lavoro, cosa fa?

Marcello è un contabile, lavora con i numeri tutto il giorno e lo sa fare bene. Lo chiudessero in uno stanzino a fare il proprio lavoro, sarebbe l’uomo più sereno del mondo, ma ci sono i colleghi e, soprattutto, c’è il capo.

È davvero così terribile?

Mi guarda disperato. Questo capo è la somma di tutti i suoi mali. Se non esistesse, la vita di Marcello sarebbe diversa ― Buon per lei che esiste, sennò non sarei qua.― conclude con un sorriso sgonfio. Cerca di essere  spiritoso ma è troppo depresso per riuscirci veramente. Io sorrido lo stesso per fargli capire che mi sono accorta della battuta, dopodiché insisto ― Mi racconti un episodio.

È un uomo crudele, riesce a farmi sentire sempre una nullità.

― Quand’è che l’ha fatta sentire una nullità?

― Sempre, non mi faccia ripetere.

― Anche oggi?

― E certo!

― Mi racconti cosa è successo oggi.

Cosa vuole che le dica, è un uomo crudele, non mi faccia ripetere. Scenate con lui ce n’è tutti i giorni a non finire. Per la miseria, sono diciotto anni che mi rende la vita impossibile, che brontola criticando tutto quello che faccio. Come se non fossi più capace di fare il mio lavoro.

― E lei ci crede?

― Cosa?

― Che non è più capace di fare il suo lavoro.

― E per forza che ci credo. ― si interrompe, deglutisce. ―A furia di sentirmelo dire.― mormora, infine, con il groppo in gola.

Gli lascio il tempo di riprendersi, tacciamo entrambi per qualche minuto. Poi mi ripeto un’altra volta ―Mi racconti cosa è successo oggi.

C’è questo maledetto progetto sulla tutela della maternità, io devo rendicontare le spese, non sto a fargliela troppo lunga, si tratta di un finanziamento. Legge 53. É una settimana che imposto un foglio di Excel che tenga conto di tutte le voci. Ho chiesto più volte al mio capo se andava bene e lui si è degnato di venire a vedere solo oggi, dopo una  settimana che ci lavoro sopra.

― E come è andata?

― Come vuole che sia andata? Ha detto che faceva schifo, che non serviva a niente, che avevo speso una settimana a fare un lavoro inutile, e che se fosse dipeso da lui, questo mese, non mi avrebbe pagato lo stipendio.

E lei come si è sentito?

Mi ha guardato come se fossi un ebete. Succede spesso che un cliente mi guardi come se fossi un ebete, dovrei esserci abituata,  invece continua a farmi un certo effetto. Il brutto del nostro lavoro sta proprio qui, dobbiamo fare domande apparentemente idiote, tanto scontata sembra la risposta.

Come mi sarei dovuto sentire secondo lei. Un fallito, no?

Il fatto è che la risposta scontata non è.

Perché un fallito? Ha sbagliato solo l’impostazione di un foglio Excel.  Ammesso che l’abbia sbagliata davvero, quanti anni sono che fa questo lavoro?

― Diciotto, non mi faccia ripetere.

È uno precisino, Marcello, ricorda tutto e me lo sottolinea ogni volta. Non deve essere male come contabile.

E in diciotto anni, quante volte ha fatto male il suo lavoro? Quante volte bene?

Mi guarda come un assetato di fronte a una granita, ha capito dove voglio arrivare.
Sovente tendiamo a guardare gli eventi tutti bianchi o tutti neri, buoni o cattivi. Facciamo valutazioni estreme, ci possiamo sentire perfetti o completamente imperfetti. Siamo nella logica del “o, o”.
O farò tutto in maniera precisa e meticolosa o sarà tempo sprecato.

Vi faccio un altro esempio per chiarire il concetto, e stavolta mi rivolgo alle signore perennemente a dieta.

Ho mangiato troppo a colazione. Tanto vale che mi abbuffi anche a pranzo.

Penso di avere chiarito il concetto.
Ma per tornare a Marcello, sottolineare quanto sia sbagliato confondere la parte con il tutto, non è sufficiente.

Mi ha fatto sentire un cretino, un deficiente. ― mi dice in tono disperato ―Non mi sono mai sentito così umiliato. Non oso tornare in ufficio, domani.

Percepisce l’evento come qualcosa d’intollerabile, per lui è praticamente una catastrofe. Gli chiedo se ha figli.

Una figlia― mi risponde torvo ―di quattordici anni.

Si confida con suo padre? Le racconta i suoi dispiaceri, le sue paure?

― Abbastanza.

― Come si chiama sua figlia?

―Denise.

Gli sorrido. È un bel nome.

Denise fa qualche sport?

―Gioca a pallacanestro.

―Gioco di squadra, bene. Allora, Marcello, immagini che una sera  sua figlia torni dall’allenamento disperata. Lei che fa?

― Le chiedo cosa è successo.

Non conoscendo Denise chiedo a Marcello di suggerirmi una situazione che potrebbe gettare la figlia in una situazione di vergogna intollerabile. Lui ci pensa un po’ poi sogghignando mi propone questo:

Durante un’azione a canestro, per lo sforzo le è scappata una scoreggia che tutti hanno sentito.

Devo complimentarmi con lui, sarebbe una situazione insostenibile anche per me.

Benissimo. Denise è stravolta dalla vergogna. Le confessa che non ha più il coraggio di tornare in allenamento. Vuole abbandonare la squadra. Lei cosa le risponde?

Ci pensa un po’, corruga la fronte. È totalmente immerso nella simulazione ― Le dico di non farla tanto tragica, che è una cosa che può succedere a tutti, anzi che magari è già successa qualche volta  e nessuno ci ha fatto troppo caso.

― Esatto.

― Ma la mia situazione è diversa ― protesta ― qui è il mio capo a considerarmi un fallito.

― E chi glielo dice?

― Me lo ha detto lui.

―Le ha proprio detto: Marcello, lei è un fallito?

―No, ma…

― Il suo capo tratta così solo lei?

―Il mio capo è uno stronzo, mi scusi. Tratta male tutti.

―E siete tutti dei falliti?

― No, no, anzi.

―Direi che non lo è neppure lei e il suo capo lo sa benissimo. Vediamo la situazione per quella che è, spiacevole, imbarazzante, se vuole. Un “capo stronzo”, mi scusi lei adesso, è una faccenda sgradevole, ma le catastrofi sono un’altra cosa. Una catastrofe non la sostiene nessuno, una faccenda sgradevole, lo ammetta, è in grado di sostenerla pure lei.

Lo stress è il risultato di una relazione tra l’individuo e l’ambiente. La persona stressata sente questa relazione come affaticante o esorbitante rispetto alle proprie risorse e dunque come una possibile fonte di pericolo per il proprio benessere.

Perché Marcello era stressato? Perché era convinto di essere davvero un fallito e perché riteneva insopportabile l’opinione negativa che il capo aveva di lui. L’ansia di Marcello si è ridimensionata quando ha accettato l’idea che fallire un compito non è il fallimento dell’intera persona, e quando si è convinto che un capo per quanto miserabile sia, non è un fenomeno intollerabile ma solo sgradevole.
E quando ci sentiamo costipati, come wurstel in una busta, per via dei figli pubescenti, del collega incompetente o dell’ennesimo corteggiatore irriducibile che possiamo fare?
Possiamo pensare, e imparare a modificare i  pensieri, le emozioni, le azioni, e le nostre reazioni abituali.
Se la montagna non va da Maometto, sarà Maometto ad andare dalla montagna.
Vi spiego cosa c’entra Maometto con tutto questo.

Prendiamo il figlio pubescente. Da quando ha iniziato a crescergli la barba è diventato ingestibile, saccente, aggressivo  insolente e la vostra vita, di conseguenza, è diventata un inferno.
Non riconoscete più in lui il marmocchietto di pochi anni prima che vi faceva pensare a un miracolo qualunque cosa facesse.

Non è giusto.― vi dite, e in alcuni momenti lo vorreste sopprimere, ma non lo fate perché poi vi dispiacerebbe, e lo sapete.

Non potete neanche sperare che gli passi presto, perché, ed è un fatto, l’adolescenza si sa quando inizia, ma non si sa bene quando finisca, Intuite, infine, che la situazione potrà solo peggiorare. Se non potete cambiare vostro figlio, allora, non vi resta che cambiare voi stessi, o per meglio dire, i vostri pensieri.

Questo figlio è un vero disastro, prima o poi mi farà impazzire.

Non è vero, è solo un normalissimo adolescente, al massimo vi farà arrabbiare.

È sempre così sgradevole, è diventato davvero insopportabile.

In realtà, a volte, continua a essere affettuoso e a cercarvi come un tempo, ma fate fatica a ricordarlo.

È vero, qualche volta è ancora gentile, ma conta di più la sua maleducazione.

E chi l’ha detto?

Si comporta così perché mi odia. Che cosa gli ho fatto?

Sbagliato, si comporta così perché è un adolescente.
L’interpretazione del proverbio è molto personale? Vero, ma funziona abbastanza.

E funziona solo in un senso, perché è vero che Maometto può andare alla montagna se la montagna non va da Maometto, ma se Maometto non andrà alla montagna, temo che alla montagna non importerà niente.

 

Lug 20, 2016

Giorgio Bianco e il valore terapeutico della scrittura

logo scrittura

di Giorgio Bianco

Ho sempre avuto un rapporto difficile con le terapie, compresa quella dell’inchiostro. Per provare a spiegarlo, devo però partire da un altro fluido: l’acqua. Quand’ero bambino amavo la pioggia. Ero l’unico. Amichetti e compagni di scuola mi prendevano in giro. Poi mettevano su il broncio: pensavano alla gita rimandata, alla mamma che vieta di andare nel parco a giocare a pallone. Io invece ero felice. Perché la pioggia mi trasmetteva, e lo fa ancora, una sensazione di intimità calda, di amicizia e famiglia, il desiderio di raccogliersi. La pioggia fuori, il fuoco dentro. Sedersi sul pavimento, ascoltare canzoni, parlare. Raccontare storie. Ecco. Nacque così la mia voglia di scrivere, di aprirmi al mondo sfidando l’intemperie oltre la finestra. Rivoli d’acqua si aprivano strade dalle curve imprevedibili lungo i vetri, la grondaia si divideva fra ritmo e melodia, i tetti ondeggiavano deformi nel riflesso delle pozzanghere. Quante cose da scrivere. Poco per volta, cominciai a farlo. Su piccoli quaderni o grandi blocchi per appunti. Mi piaceva l’inchiostro verde. Oggi ho quasi 52 anni e uso il computer, ma le storie continuano a uscirmi dalle dita. Anzi, il desiderio si è perfezionato in una specie di smania, la provo anche in questo momento.

Ma la smania è salubre? E scrivere è terapeutico? Difficile dirlo, per me. Scrivo quasi ogni giorno, quindi non ho termini di paragone in negativo. In linea generale sono una persona sofferente. Qualcuno mi ha detto che la mia intelligenza emotiva è sproporzionata rispetto a quella razionale. Una diagnosi semplice, per chi mi conosce. In ogni caso credo che l’idea della scrittura terapeutica si leghi al fatto di “buttare fuori”, cioè di liberare la negatività affidandola all’inchiostro. Può essere. Io però scrivo molto spesso sotto la spinta dal tormento. Le mie storie sono sì un inno alla vita, addirittura all’avidità della vita. Ma sono anche piene di gente sconfitta, fragile, che paga a caro prezzo l’intensità delle proprie emozioni, dei sentimenti.

Mettiamola così. Forse scrivere non è terapeutico, ma è una buona compagnia. Di più: aiuta a dare una forma precisa ai nostri dolori, a conoscerli meglio. Non sarà una cura, ma almeno è un passo avanti. In effetti, mentre scrivo mi capita spesso di piangere. Ma quando spengo il computer sento di aver scaricato il peggio, di essermi sfogato. Non una guarigione definitiva, ma almeno un antidolorifico.

Inoltre possiamo prendere il discorso dal verso opposto: se io non potessi più scrivere starei sicuramente peggio, dunque scrivere è essenziale per salvarmi la salute. Cito il grande musicista Lou Reed: “Prima bevevo due bottiglie di whiskey al giorno, ma da quando ho iniziato a fumare quattro pacchetti di sigarette, ho ridotto a una sola bottiglia. Quindi, dal mio punto di vista, il fumo è tutta salute!”.

Sarebbe bello avere risposte certe, vero? Io invece sono bravo soltanto con le domande, purtroppo. Però una cosa la dico spesso e ora la ripeto volentieri a voi, amici di penna. Scrivere un libro è come raccontare tutto a un amico: alla fine lo ringrazi per essere rimasto in silenzio mentre facevi chiarezza con te stesso.

Mag 26, 2016

La mia esperienza sui laboratori di scrittura creativa e di lettura

di Chiara Curione

Parlare dei miei laboratori di scrittura creativa significa andare a ritroso nel tempo e raccontare in un certo senso il mio percorso di scrittrice fino ad oggi, dove la Biblioteca ha sempre avuto un ruolo importante.

IMG-20160315-WA0002Il contatto con la Biblioteca è stato una tappa fondamentale per il mio lavoro di scrittrice, soprattutto dopo l’uscita del mio primo romanzo “La sartoria di Matilde”.  Infatti, subito dopo ho iniziato collaborando con i laboratori di lettura della biblioteca di Gioia del Colle, il paese in cui vivo, organizzati da Cinzia Losito e scrivendo storie per i bambini.

L’ambiente della nostra biblioteca attento alle novità e sensibile alla promozione della cultura, grazie alla competenza del personale e della bibliotecaria Arianna Addabbo, ha sempre creato un’atmosfera particolare, fornendomi libri interessanti capaci di stimolare la mia curiosità e fantasia per i testi che avevo intenzione di realizzare. Qui con Cinzia Losito che progettava i laboratori, Giovanna Laverminella che realizzava i disegni per le storie da raccontare ai bambini e Cataldo Donvito che suggeriva le letture, cominciai  scrivendo le fiabe storiche su Federico II.

Ci fu molto entusiasmo per l’idea che avevo di raccontare le vicende storiche dell’imperatore svevo e la sua discendenza in modo diverso. Pensando che anche la storia, quella reale, si potesse raccontare come una fiaba, decisi di unire elementi reali a elementi fantastici e leggendari, notando che i testi realizzati in questo modo attiravano i bambini e li avvicinavano alla storia. In breve tempo, il libro che avevo realizzato con le fiabe storiche “le Imprese di Federico II” fu pubblicato e adottato in numerose scuole come testo di narrativa e usato per laboratori di lettura. Dopo questa esperienza ci fu la pubblicazione di un altro mio lavoro: il romanzo storico sul brigantaggio dal titolo “Un eroe dalla parte sbagliata”, pensato proprio per raccontare ai ragazzi in modo semplice le complesse vicende del periodo storico Post-Unitario e della tragedia che segnò il sud Italia da quel momento in poi.

Vedere che i miei libri avevano successo presso le scuole e soprattutto che piacevano ai ragazzi mi ha dato la voglia di fare un passo in più. Trasmettere le tecniche della scrittura creativa, stimolando la fantasia che è racchiusa in loro e progettando dei laboratori di scrittura creativa. Tempo dopo, grazie all’incontro con Viviana Basile che è esperta di animazione, c’è stata l’idea di realizzare dei laboratori particolarmente avvincenti per i ragazzi con l’animazione.

Il primo di questi laboratori per bambini di nove anni ci è stato richiesto dall’associazione culturale “La casa del sorriso” ed è stato incentrato sulla figura di san Filippo Neri. Un personaggio fuori dalle righe, un uomo che univa ragazzi di estrazione sociale diversa, che amava il canto e la preghiera, un sacerdote che diventava un burlone con le sue strane penitenze date ai fedeli. Avevamo la certezza che i bambini si sarebbero incuriositi ascoltando le vicende della sua vita, tuttavia nessuno si aspettava che da questo laboratorio sarebbe nato un libro.

I bambini erano talmente attratti dalla vita del Santo che alla fine sembrava l’avessero conosciuto di persona, quando con l’animazione si entrava nell’atmosfera della vita cinquecentesca di Roma. Grazie a quest’idea i bambini si sentivano parte integrante dell’Oratorio creato da san Filippo, dopo ascoltavano una lezione di tecnica di scrittura creativa e partivano con la stesura dei loro racconti. Per ogni incontro i partecipanti hanno scritto delle storie incredibili, rapportandosi alla vita del Santo sia nel presente sia nel passato e nel futuro.

20151227_103859Da questo laboratorio, infatti, è nato un libro dal titolo “Noi bambini e San Filippo” che raccoglie i loro racconti, tutti originali e alcuni anche abbastanza ironici. In seguito abbiamo organizzato laboratori di scrittura creativa per i ragazzi più grandi, incentrandoli sulla figura di Federico II perché la Puglia in cui vivo era la sua amata terra. Qui, dai tanti castelli alle numerose cattedrali, tutto parla ancora di lui. Da questo laboratorio, in cui operavamo in tre con Viviana Basile e Marianna La Carbonara, esperta di arte, abbiamo realizzato qualcosa di più originale: calamite, segnalibri e calendari con illustrazioni tratte da codici miniati, queste opere sono accompagnate da iscrizioni tratte dagli incipit dei racconti elaborati dai ragazzi. Riuscire a trasmettere le tecniche di scrittura creativa ai più giovani è sicuramente un’attività interessante per uno scrittore, si dà e si riceve molto da queste esperienze, si va alla continua ricerca di testi che possano stimolare la fantasia, letture in cui facilmente ci si immedesima con i protagonisti, testi che possano essere per i partecipanti fonte di ispirazione, con incipit capaci di catturare il lettore  e dialoghi ad effetto.

Dopo quest’attività, abbiamo continuato organizzando i laboratori di lettura per i più piccoli in collaborazione con la Biblioteca. Determinate ad approfondire la lettura attraverso i nostri laboratori, cercando di catturare al massimo l’attenzione dei partecipanti, abbiamo elaborato in collaborazione con Cinzia Losito e Viviana Basile un progetto che ha l’obiettivo di ampliare le potenzialità dei bambini attraverso la lettura animata e il gioco creativo, suscitando un collegamento tra immaginazione e fantasia. In questo modo stiamo realizzando dei laboratori di lettura per bambini dai tre ai nove anni, seguendo l’idea di Rodari che riduce le funzioni di Propp a venti più uno, cioè l’inizio.

Propp, che era un antropologo e linguista, studiò le origini storiche della fiaba nelle società tribali traendone una struttura che rappresenta un modello per tutte le narrazioni. Si tratta di uno schema in cui identificò trentuno sequenze che compongono il racconto e rappresentano le situazioni tipiche dello svolgimento della trama di una fiaba, riferendosi in particolare ai personaggi e ai loro ruoli. Ma grazie a Rodari, sperimentando il suo metodo che gioca con la fantasia e l’immaginazione, i bambini hanno un approccio diverso con le storie, diventando loro stessi autori di nuove storie, così il laboratorio di lettura diventa magico.

Noi cominciamo con lettura animata delle storie, poi proponiamo di formare delle squadre per un gioco con le tavole illustrate con le quali i bambini devono rielaborare a modo loro la storia che hanno ascoltato. Il fatto straordinario che emerge alla fine di ogni laboratorio è che le storie inventate dai bambini attraverso le immagini sono realmente fantastiche, potrei definirle un misto di realtà e fantasia, con il solito lieto fine. Ai nostri laboratori hanno partecipato numerose classi e tutti i bambini hanno mostrato grande interesse. Ecco come l’ascolto di una storia, l’approfondimento della lettura attraverso i personaggi e il gioco di smontare e ricostruire una nuova storia anima i nostri laboratori, entusiasma i bambini.

Il mio contatto con la Biblioteca continua a essere fonte di nuove idee e motivo di ricerca per un mare di racconti. I programmi sono tanti, difficile è poterli realizzare tutti.

L’attività dei laboratori attraverso i quali si elaborano modi diversi per giocare con le parole, creare nuove storie, tramandare i miti e le leggende ci entusiasma sempre e ci fa notare come la semplicità dei bambini e la loro capacità di vedere oltre l’apparenza e giungere alla sostanza delle cose ci sorprende continuamente, facendoci riscoprire anche da adulti il fanciullo che resta sempre dentro di noi.

Mag 24, 2016

Bruno Bruni ha il piglio del sognatore incallito, anche se un po’ disilluso dalle esperienze. Eppure, sotto quella scorza, nasconde un’anima in grado di regalare grandi emozioni, a 360 gradi. Conoscerlo e comprendere di essere di fronte a un vero “personaggio” è davvero un tutt’uno… poi, quando si riesce a conoscere anche sua moglie Paola, allora tutto diventa chiaro: il sogno è reale, tangibile ed è diventato una gran bella coppia. #EEE #autoriEEE

logo esperienza

Bruno Bruni e la sua esperienza con EEE

di Bruno Bruni

Ho inviato manoscritti a molte case editrici, grandi e piccole. Quasi tutte mi hanno ignorato senza problemi. Solo tre mi hanno risposto. La prima, una piccolissima, di cui non ricordo più il nome, che gentilmente mi spiegava come il mio romanzo non fosse in linea con i loro piani editoriali. La seconda è stata l’Editore “Il giovane Holden”. Disposti a pubblicare in cambio di un acquisto di molte copie da parte mia. Ho declinato. Terza è arrivata EEE.

A dirla tutta, anche EEE un mio romanzo, “I Viandanti”, lo aveva rifiutato. Dicendomi onestamente che non era piaciuto. Altrettanto onestamente, penso sia stata una errata valutazione. Ma io sono testardo, ne ho inviato un secondo, Voce e pianoforte… E stavolta è andata bene. Ebook pubblicato. Soddisfazione da parte mia, naturalmente. Non esultanza né sbalordimento. Sono troppo vecchio, troppo scettico, per esultare facilmente. E poi, credo, di essere sempre stato conscio di aver scritto un buon romanzo, ne ero convinto già mentre lo scrivevo, completamente immerso nella storia. Quindi, soddisfazione per essere pubblicato ma anche convinzione che fosse, come dire, quasi inevitabile che accadesse. Con tanti saluti alla modestia…

Come mi sono trovato in casa EEE? Bene, naturalmente. Editore ben strutturato, con idee chiare e capacità di scegliere buoni autori. E poi, e questa è forse la cosa migliore, qui si fa parte di un gruppo, non si è mai soli. Noi scrittori siamo un poco… ipocondriaci (mi passate l’espressione?) e trovare gente paziente e comprensiva che ci rassicura, beh, non è certo cosa da poco!

Un’altra cosa, però, ci tenevo a dirla. Una cosa forse solo mia, non so. Ho amato i miei personaggi dal primo istante in cui li ho… incontrati, credo di averlo detto anche nell’intervista. Ma prima, quando erano inediti, erano un amore segreto, quasi vergognoso, nascosto nella mia testa. Adesso è diverso. Adesso, che chiunque lo voglia possa leggere le loro storie, amarli come me, o anche detestarli, non importa, non sono più segreti. Non sono più solo miei. Sono diventati “veri”.

È come se fossero nati, diventati esseri in carne e ossa che camminano per le strade di questo mondo. Per me è la sensazione più appagante che abbia mai provato. E non dispero di incontrarli veramente, un giorno, in un bar, in un viale. Per poterli salutare, e dirgli “Visto? Ve lo avevo detto che vi avrei fatto uscire dalle pagine. Ringraziate me, e ringraziate Edizioni Esordienti Ebook, testoni…”

Mag 17, 2016

Claudio e Filiberto Arnaudo (Andrea Ravel per i lettori), rispettivamente padre e figlio, sono gli autori del ciclo Il Longobardo, serie di romanzi storici dedicati a una delle radici più importanti del nostro passato. Claudio rappresenta “pubblicamente” un po’ entrambi e possiede uno spirito decisamente carico di allegria (anche se a prima vista nessuno lo direbbe), in grado di abbattere le mura di Gerico. #EEE #autoriEEE

logo esperienza

Andrea Ravel e la sua esperienza con EEE

di Claudio Arnaudo

Dire EEE e dire Piera Rossotti Pogliano è un po’ la stessa cosa e il mio primo incontro con EEE è avvenuto proprio attraverso una telefonata con la Signora Rossotti in persona.

Era un pigro giovedì pomeriggio di fine Agosto 2014 e stavo per entrare in piscina quando suona il cellulare…

“Buongiorno Signor Arnaudo, sono Piera Rossotti etc etc… il suo romanzo è arrivato secondo al nostro concorso per i romanzi storici.”

“Secondo? E perché non primo” rispondo, pentendomi immediatamente. (Mia moglie dice, a ragione, che sono impulsivo, ho un pessimo carattere e invecchiando non miglioro). Dall’altra parte percepisco un momento di sbalordimento, vorrei rimediare in qualche modo ma forse il silenzio è la scelta preferibile.

“Se lei è d’accordo” continua imperturbabile la Signora “penserei di pubblicarlo. Ma, come prima cosa, occorre cambiare il titolo. Quello che ha scelto non va assolutamente bene.”

“A parte il fatto che ci abbiamo messo due anni (io e mio figlio) a sceglierlo” replico decisamente irritato “a me pare perfetto.”

“È un titolo che fa pensare a un romanzo a metà tra il fantasy e il racconto a sfondo religioso. Io detesto il fantasy e i romanzi religiosi non li legge nessuno!”

Vi risparmio il seguito della conversazione, soprattutto quando mi ha intimato di accorciare il manoscritto entro il limite massimo delle battute previste. Devo dire che aveva, naturalmente, ragione più o meno su tutto: il titolo era pessimo, ma soprattutto non dava l’idea del tipo di romanzo che avevamo scritto.

Questo è stato il mio approccio a EEE, traumatico al punto che ancora non riesco a rivolgermi al mio editore che in due modi: o Signora Rossotti Pogliano o Professoressa Rossotti. Inutile dire che il rapporto è poi migliorato e da un po’ di tempo sto riflettendo sulla possibilità di proporle di darci del tu e magari chiamarci per nome, ma non è niente di più che un’idea. Anche se, devo dire, Professoressa Piera (Rossotti) non suona poi tanto male.

Mag 16, 2016

Irma Panova Maino e il valore terapeutico della scrittura

logo scrittura

di Irma Panova Maino

Scrivere crea un senso di liberazione, di sollievo e diventa una vera “palestra” in cui sfogare tutte le energie, le frustrazioni e persino le delusioni.

Altrimenti perché mai si dovrebbe scrivere? A scuola impariamo l’arte della scrittura puramente a livello “tecnico”, prima a mettere insieme le lettere, scritte con bella mano, e poi a mettere insieme le parole, stando attenti a tutte le regole grammaticali che distinguono un testo comprensibile da uno poco leggibile. Tuttavia, nessuno insegna come esternare ciò che si ha dentro. Non esiste alcuna legge, suggerimento, elenco che possa fornire istruzioni adeguate sul valore dell’esternazione e su come questa possa essere effettuata. Soprattutto non sono segnalate le controindicazioni, anche se queste poi esistono con l’andare del tempo.

Spesso basterebbe mettere nero su bianco i propri pensieri per cogliere le soluzioni, per sciogliere i nodi e arrivare al nocciolo effettivo di una questione. Forse tanti dubbi e malintesi, soprattutto discussioni, non ci sarebbero nemmeno se solo si fosse perso un po’ di tempo nell’analizzare, per iscritto, i pensieri e le ipotesi. Forse, molta violenza verbale si esaurirebbe sopra un foglio di carta, anche se virtuale, lasciando lì la propria impronta e non sopra altri volti o altra carne.

Il forse, purtroppo, è d’obbligo, ma tant’è che molti autori (e loro lo sanno), utilizzano proprio la scrittura per eviscerare dall’anima tutta la negatività che li circonda, offrendo buoni spunti alla positività e alla speranza. Sono sogni, è vero, mere chimere che a volte possono produrre un effetto risonante piuttosto spiacevole, ma è il carattere dello scrittore che alla fine predomina e il suo stile, il suo bisogno di esprimersi, talvolta, resta tristemente legato al proprio scritto. Quindi, se da una parte è vero che nella maggior parte dei casi lo scrivere può calmare l’anima, dall’altra è anche vero che può diventare la fonte di altre paranoie, fornendo spunti ulteriori per estraniarsi dai rapporti sociali. Forse, per questo molti scrittori diventano esseri solitari, chiusi nei propri mondi immaginari, intrappolati fra trame e personaggi.

Provate a immaginare cosa accadrebbe se doveste svegliarvi e scoprire che siete stati catapultati in uno dei vostri libri…

Gli autori horror potrebbero iniziare a provare serie apprensioni, ma anche per altri generi non sarebbe così semplice uscire indenni dall’immaginario. Dunque, nei nostri scritti riversiamo ciò che il nostro subconscio elabora, creando altre realtà parallele e se questo da una parte ci libera dalla pesantezza dei pensieri, dall’altra frustra le aspettative, diventando, talvolta, un circolo vizioso, pronto per essere sfogato nel libro successivo.

Mag 13, 2016

Mario Nejrotti è un autore che con EEE ha pubblicato diversi libri molto apprezzati dal pubblico, fra questi Il piede sopra il cuore risulta essere il più venduto nel Kindle Store di Amazon, tanto da essere classificato un bestseller. Dire che ne siamo orgogliosi non rende l’idea, tuttavia non ci stupiamo, Mario è uno scrittore con i fiocchi e lo dimostra sia per il suo indubbio talento che per la sua signorilità. #EEE #autoriEEE

logo esperienza

 

di Mario Nejrotti

STRADE LASTRICATE D’ORO E TORTUOSI SENTIERI

Creare e gestire un’Editrice, prevalentemente o esclusivamente digitale, è un’impresa difficile che necessita prima di una buona dose di lungimiranza e di coraggio e poi di un continuo sforzo di fantasia. La EEE e la sua Editora, Piera Rossotti Pogliano, a mio parere hanno tutte queste caratteristiche. Ma bastano per crescere e lanciare nuovi scrittori di successo in un mercato sovrasaturo, dove tutto è già stato scritto e ogni strada è stata battuta?

Per  la mia esperienza di giornalista, uno scrittore può arrivare alla notorietà, che non è sempre sinonimo di successo, attraverso diverse strade:  far già parte del mondo editoriale per lavoro e conoscenze o appartenere al “grande” mondo della comunicazione, essere  in qualche modo interno all’universo dello spettacolo o avere amicizie “potenti”.  Il romanzo del neo scrittore troverà così benevolenza presso i grandi editori e spazio prima o poi nelle vetrine che contano. Allora un certo numero di alberi saranno sacrificati sull’altare della sua gloria.

Si può anche “arrivare” se si sa (belle: sembrano delle note musicali!) cogliere dalla cronaca un fatto, possibilmente pruriginoso o macabro o drammatico (positivo mai: non vende!). Può arrivare a farsi pubblicare chi è già famoso e in questo caos spesso non occorre neanche che sappia scrivere: fa tutto l’editore e lo paga anche solo perché gli lasci usare il nome. Deve almeno saper raccontare, direte voi. Non è indispensabile. Gli aneddoti della vita, lacrimosi o divertenti, li può scrivere benissimo il ghostwriter, basta che il personaggio li confermi nelle interviste. Di scrittori fantasma ce ne sono a pacchi, anche bravi (li trovi persino in rete, per esempio su http://www.loscrittorefantasma.com/).

Un modo tradizionale, e il più bello, per arrivare a notorietà e successo è essere molto, ma molto bravi. Ma non è sufficiente: occorre avere anche una buona dose di “fortuna”. In questo mondo molto particolare la sola fortuna o il solo talento non bastano. Le ali della farfalla a Pechino devono battere proprio per te e… non generare il caos solo per una volta.

Comunque tutti insieme questi “ scrittori”, che hanno imboccato una strada lastricata di gloria e di oro (che però, si sa, porta all’inferno), raggiungono ogni anno le poche decine (e sono molto ottimista). Per le restanti migliaia di scrittori italiani non rimane che imboccare le faticose e tortuose strade per raggiungere, non dico il successo, ma almeno la pubblicazione (e queste, sempre lo si sa, portano in paradiso). Non sono certo tutti bravi, ma anche lo fossero, non tutti sono fortunati. E quindi: sudore, sangue e umiliazioni.

Intorno a loro, alimentato da loro, un bel mercato. Dovremmo essere orgogliosi!

Con i nostri sudati risparmi vivacchiano agenzie letterarie, organizzatori di centinaia di concorsi più o meno letterari, correttori di manoscritti, redattori di schede di lettura, recensionisti  a pagamento, tipografie, self publishing a pagamento, pseudo editori, che non sono mai stati imprenditori, e che succhiano il sangue agli autori ancora prima della pubblicazione e che non fanno nulla se il tapino non paga e sicuramente nulla dopo che il tapino, sempre lui, ha pagato.

E poi qua e là ci sono, invece, poche iniziative editoriali fresche e nuove che offrono spazio agli Autori emergenti.

Una di queste è appunto l’EEE della cui squadra di scrittori faccio orgogliosamente parte. Siamo un bel drappello in crescita. Che cosa mi è piaciuto della filosofia dell’Editora?

Prima di tutto la dichiarata, assoluta e rivendicata soggettività del suo giudizio: il manoscritto o le piace o non le piace. (qui suona “punto”). Questo è molto bello perché non c’è nessuna pretesa di giudizio assoluto o di condanna senza appello. Per chi è pubblicato va bene, perché non si monta la testa e per chi è rifiutato, va bene lo stesso perché si consola e prova a cantare in un altro cortile, senza che venga ferito troppo il proprio ego.

Poi, mi è piaciuta perché, dopo il parere positivo, arriva subito un contratto semplice, chiaro e commercialmente accettabile, che non riguarda l’autore, ma l’opera singola. Il contratto, infatti, è sul romanzo e lega solo il lavoro, non la persona. Così sei sicuro di non finire come Salgari, sfruttato fino al suicidio dai suoi editori prima Donath e poi Bemporad. E di conseguenza al contratto, a cadenza precisa, arrivano anche i soldi (sterco del diavolo, ma indispensabile sostegno della vita). La casa editrice poi è ricca di iniziative e alcuni grandi Blogger aiutano per la necessaria diffusione dei titoli in catalogo e per creare una mentalità di squadra e di gruppo tra gli autori della “casa”.

Non si firma nulla su questo argomento, ma è la parte più innovativa. Gli Autori partecipano alla loro promozione!

Alcuni brontolano:“ Fuori dagli schemi! Avvilente! Ognuno faccia il proprio ruolo: io creo e scrivo, tu pubblichi e promuovi”. Personalmente, data la mia educazione un po’ troppo sabauda, ho fatto fatica a incominciare a “promuovermi”, ma siccome sono un ragazzo (si fa per dire) che si mette ancora in discussione, ho riflettuto sul lavoro dell’Editora, dei vulcanici blogger Irma Panova Maino e Andrea Leonelli e mi è sembrata una prospettiva nuova, che aveva anche qualche possibilità di successo.

Il mondo dell’editoria cambia e allarga il suo bacino di azione, alcune porte si chiudono, nuove strade si aprono. Forse sta nascendo una cultura diversa dal passato, dove Editore e Autore sono parti complementari di un lavoro che si sviluppa  con la fantasia, la creatività e l’impegno di entrambi. Da un lato prodotti del talento, dall’altro la sensibilità di riconoscerli e la possibilità di entrare nel mondo dei “pubblicati” (che, credetemi, non è poco in un oceano di “inediti”).

Bisogna allargare gli orizzonti, non costruire club autoreferenziali, che sarebbero asfittici  fin dalla nascita (Indice di Apgar alla nascita meno di 4, scusate la deformazione da medico). Quindi, insieme, occorre, con la fantasia creativa e l’entusiasmo che dovrebbero contraddistinguere autori ed editori, scoprire, sperimentare e mettere a disposizione di tutta la squadra strumenti  sempre nuovi  per arrivare al pubblico, al grande pubblico della rete, unico giudice importante e unica vera meta per i racconta storie.

Mag 12, 2016

Marina Atzori ha uno stile inconfondibile e il suo raccontare assume sempre un sapore onirico. D’altra parte, conoscendola, non potrebbe essere altrimenti, il suo spirito ha bisogno di poter volare e la sua fantasia, espressa egregiamente nei tre libri pubblicati con EEE, diventa evidente in tutto quello che fa. #EEE #autoriEEE

logo esperienza

Marina Atzori e la sua esperienza con EEE

di Marina Atzori

LA “VELA”

Diario di bordo

Ottobre 2014

  • 1 zattera con “vela”
  • 1 penna + calamaio
  • fogli bianchi q.b
  • 1 Margherita

È iniziata così la mia esperienza con EEE, a bordo di una zattera. Con me avevo pochi e semplici elementi, nella testa un unico obiettivo: scrivere per sopravvivere al mare in tempesta. Dovrei parlarvi di rinascita e di evoluzione emotiva, ma non lo farò, vi parlerò di un viaggio e di una “vela”. Tante, e forse troppe, sono state le motivazioni che mi hanno spinta, proprio come una serie di correnti marine calde e fredde, a fare ciò che amo di più: raccontare emozioni scrivendo. Tutto è nato con il disegno di una Margherita. Un fiore che avrebbe potuto trarre in inganno chiunque, ma non Lei. Dietro quell’immagine c’era un mondo segreto che chiedeva a gran voce di uscire dalla penombra. Non sapevo se sarei stata compresa: il vento era forte e contrario, la pioggia era battente, faceva un gran freddo e avevo paura. Ero quasi convinta che sarei naufragata, nessuno si sarebbe soffermato sul mio Piccolo Libro che nascondeva, in ogni frase, contenuti decisamente fuori dagli schemi. Tra un fulmine e l’altro scrivevo, come se non ci fosse stato un domani. Stremata, e con qualche petalo in meno, mi sono svegliata alle prime luci dell’alba. C’era il sole all’orizzonte che colorava i fogli inzuppati dall’acqua salmastra e sparpagliati in ogni angolo della mia bagnarola. Dunque mi sbagliavo, qualcuno, quella notte, aveva notato e letto la mia storia. Lei, Piera Rossotti Pogliano è riuscita ad andare al di là delle apparenze e a vedere in me qualcosa di più, quel di più che mi ha permesso di alzare quella preziosa “vela” per arrivare finalmente sulla terra ferma. Ho potuto aprire le ali, e seguire un sogno, il mio sogno, pubblicare per la prima volta “Il mare non serve…” con EEEbook. Da quel momento, grazie a Lei, più scrivo e più mi sento libera di esprimere la mia creatività.

lavela_EEE

Mag 10, 2016

Alessandro Cirillo ha al suo attivo diversi romanzi interessanti che hanno raggiunto notevoli risultati nelle classifiche di Amazon, punto di riferimento per chiunque pubblichi in formato digitale. Forse, proprio grazie a questi risultati che Alessandro sottolinea un fatto decisamente importante: la puntualità di EEE nel corrispondere ai propri autori i proventi ricavati dalle vendite. #EEE #autoriEEE

logo esperienza

Alessandro Cirillo e la sua esperienza con EEE

di Alessandro Cirillo

Il mio primo contatto con EEE risale al 2012. Al tempo (lo so, scritto così sembra che siano passati millenni), la casa editrice era sul mercato da appena un anno. Io avevo da poco ultimato il mio primo romanzo: Attacco allo Stivale. Come molti novelli autori, ero alla ricerca di una casa editrice disposta a pubblicare il mio “capolavoro”. Ammetto che non inviai subito la mia opera a EEE. Iniziai con le grandi realtà editoriali, nella segreta speranza di aver scritto un best sellers. Svanita l’euforia della prima ora, puntai sulla medio-piccola editoria. Decisi che occorreva selezionare con cura i destinatari del mio manoscritto. EEE fu una delle case editrici su cui ricadde la mia scelta. Mi documentai sul sito internet ufficiale e rimasi colpito dalle parole di presentazione di Piera Rossotti, fondatrice della casa editrice. Inoltre, feci la conoscenza con una strana creatura, ancora semisconosciuta al mondo, ovvero l’e-book. Inviai il file del manoscritto e rimasi in attesa.

Nel corso dei mesi arrivarono alcune risposte da parte di altre case editrici. A qualcuno non era piaciuto e a qualcuno sì. Dalla seconda categoria mi arrivarono delle proposte di contratto che, ahimè, prevedevano un contributo economico da parte mia. Non è mia intenzione biasimare questo tipo di scelta, anzi, in un’occasione mi spiegarono con tutta onestà  che la casa editrice non era in grado di sobbarcarsi le intere spese di pubblicazione. Da parte mia, con un matrimonio alle porte e un mutuo sul groppone, neanche io potevo permettermi di partecipare. Passò ancora del tempo e arrivò la risposta di EEE. Il manoscritto era piaciuto e mi veniva fatta una proposta di contratto SENZA ALCUN ONERE! Non posso descrivere la mia gioia ma qualcuno sicuramente  mi capirà. Il manoscritto diventò un vero romanzo che fu pubblicato alla fine del 2012.

In Piera Rossotti ho trovato una persona disponibile, competente e corretta. Vi assicuro che queste caratteristiche sono merce rara, non solo nel campo dell’editoria. Un esempio sono pagamenti dei diritti d’autore che, nel caso della EEE, sono sempre PUNTUALI E PRECISI. Può sembrare un fatto scontato ma vi assicuro che non lo è. Provate a fare qualche ricerca su internet e capirete.

Nel corso degli anni con Piera Rossotti ho costruito un bellissimo rapporto tant’è che, ad oggi, i romanzi pubblicati con EEE sono quattro e con un quinto in uscita a breve. Qualcuno dice che sono uno degli autori di punta della casa editrice e questo mi riempie d’orgoglio.

Concludo augurando tanta fortuna a EEE sperando di continuare a collaborare ancora con Piera Rossotti.

Mag 06, 2016

Grazia Maria Francese e il valore terapeutico della scrittura

logo scrittura

di Grazia Maria Francese

Miti, saghe, racconti

Quando un corpo di spedizione alieno atterrò sul nostro pianeta, svariate centinaia di migliaia di anni fa, per effettuare interventi di ingegneria genetica su alcune specie di scimmie, una delle principali modificazioni introdotte fu quella riguardante la conformazione della gola. Benché per sopravvivere bastasse comunicare con una gamma limitata di grugniti o squittii, gli Dei in carne e ossa che crearono l’Homo Sapiens lo resero capace di parlare.

Il linguaggio, inutile lusso dal punto evoluzionistico, per questo strano essere chiamato uomo è una vera necessità. Gli permette di effondere sentimenti, ricordi, aspirazioni, timori: tutte le complessità di una mente dotata di circonvoluzioni infinitamente più contorte rispetto a quella di un australopiteco. Se non potesse in alcun modo esprimere tutto questo, diventerebbe pazzo.

Per un’immensità di tempo gli antenati dell’uomo comunicarono a parole. Raccolti attorno al fuoco acceso in una grotta, si raccontavano la storia degli strani esseri discesi dal cielo su carri fiammeggianti: le loro imprese, le loro guerre, i loro amori e inimicizie. Quella fu l’origine del mito. Si raccontavano le vicende degli Dei che, poco a poco, coinvolgevano anche gli esseri da loro modificati a propria immagine: quella fu l’origine del racconto epico o della saga.

Ci vollero millenni perché le storie, anziché essere tramandate a voce, venissero trascritte. Questo passaggio da tradizione orale a parola scritta, che è proprio il tema del mio libro L’uomo dei corvi, fu una grande acquisizione e nello stesso tempo una perdita. Acquisizione perché lasciava spazio alla creatività dell’individuo, perdita perché lo svincolava dalla fedeltà a un modello portatore di memorie ancestrali della nostra razza. Trascrivere una storia può sembrare un modo di renderla meno soggettiva, perché la fissa in una forma stabile: in realtà però questa forma è filtrata attraverso il punto di vista di un solo individuo, che è necessariamente soggettivo e parziale.

Noi non possiamo più tornare indietro. Esistiamo in un mondo dove la parola scritta predomina, modella la comunicazione verbale, crea mondi. Possiamo solo cercare di accostarci alla scrittura con un senso di grande responsabilità: lasciare che prenda forma non da esigenze di mercato o da ambizioni di successo, ma dalla necessità di comunicare un contenuto. Possiamo solo usare questa fortuna, ammesso che sia una fortuna… se non c’è più nessuno raccolto ad ascoltare attorno al fuoco, che qualcuno (magari fra chissà quanto tempo) ci possa leggere!

Mag 05, 2016
  • Disclaimer

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Il materiale pubblicato è copyright delle case editrici, degli autori e delle agenzie che ne detengono i diritti. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro.

  • Copyright

    Il materiale fotografico, loghi e quant’altro utilizzato all'interno del blog è stato reperito da fonti pubbliche, oppure è stato reso disponibile da terzi.
    Qualora per errore siano presenti immagini o contenuti protetti da copyright, si invita gli interessati a darne immediata comunicazione in modo da procedere alla rimozione tempestiva.

  • Privacy e Cookie policy

    Privacy Policy
  • Informazioni

    Edizioni Esordienti E-book di Piera Rossotti
    Strada Vivero, 15
    10024 Moncalieri - Torino

    [email protected]
    P.E.C. [email protected]

    011-6472110 - ore ufficio

    Partita IVA 10585010019
    Cod. Fisc. RSSPRI51R68L445X
    REA TO-1145737