Crea sito

Clare Hollingworth, la giornalista che fece lo “scoop del secolo”

Clare Hollingworth è stata una delle più importanti giornaliste della storia, eppure nonostante sia stata l’autrice di quello che venne definito “lo scoop del secolo“, gli addetti ai lavori la conoscono.

Questo perché, purtroppo, come è facilmente intuibile, Clare è stata una donna che ha dovuto combattere contro i pregiudizi di un mondo culturale arretrato e impreparato. Un mondo che abbiamo conosciuto ad esempio attraverso la storia di Margaret Ann Bulkley che nel ‘700 si finse uomo per esercitare la sua attività di medico. O anche quello di Elena Lucrezia Cornaro, la prima donna nella storia a laurearsi.

Il passato (ma anche il presente) è ricco di esempi del genere che non ci stancheremo mai di raccontare, per sottolineare una volta di più la forza di volontà e la tenacia di queste grandi donne.

Clare è stata una giornalista che ha attraversato tutto il Novecento (nata nel 1911 e morta nel 2017) raccontandolo principalmente da un fronte di guerra.

Ha raccontato il Vietnam, l’Algeria, il Medio Oriente su tantissime testate. Giornalista coraggiosa che si è trovata spesso, grazie al suo fiuto per la notizia, al posto giusto nel momento giusto.

E pensare che dopo la scuola fu spinta a iscriversi a un corso di economia domestica. Finì invece per dormire con un passaporto sotto al cuscino e lo zaino accanto al letto, pronta a partire in ogni momento.

79 anni chiese al suo giornale di essere mandata a testimoniare la guerra del Golfo. Per prepararsi alla dura esperienza dormì cinque giorni sul pavimento.

Clare è passata alla storia anche per “lo scoop del secolo“: fu la prima personaa diffondere la notizia che la Germania era pronta a invadere la Polonia, nel settembre del 1939.

La giornalista era a Varsavia, per distribuire aiuti umanitari ai profughi. La Polonia, a quel tempo, era l’epicentro delle tensioni diplomatiche e politiche di tutta l’Europa. Clare aiutava le persone a scappare dalla Germania occupandosi dei loro visti per il Regno Unito.

La sua carriera da giornalista era cominciata da una settimana. Scriveva per il Daily Telegraph. Il 28 agosto prese in prestito una macchina dell’ambasciata inglese per attraversare il confine tedesco e comprare vino e pellicole per la macchina fotografica.

Soltanto i diplomatici potevano attraversare il confine, era molto pericoloso. Clare voleva inoltre indagare sulle voci che stavano girando in quel periodo: di un intervento armato della Germania.

Durante il viaggio di ritorno in Polonia, vide in un campo alcuni teli mimetici, giganteschi e insoliti. Un colpo di vento ne staccò uno e oltre si videro i carri armati tedeschi, i soldati in attesa e l’artiglieria.

 

Contattò il Daily Telegraph che il giorno dopo, il 29 agosto, titolò: “Mille carri armati ammassati al confine con la Polonia. Dieci divisioni sono pronte per colpire”. L’articolo non era firmato.

Il primo settembre, il giorno dell’invasione, l’ambasciatore inglese a Varsavia venne contattato personalmente da Clare che si trovava al confine e che voleva avvertire dell’avvenuta offensiva tedesca. L’ambasciatore non credeva alle parole di una donna. E così Clare allungò fuori dalla finestra la cornetta del telefono e fece sentire il rumore dei cingolati che stavano attraversando la strada.

Chi pensa che quello di Clare fu, in fondo, solo un colpo di fortuna, deve sapere che anni dopo, durante la guerra in Vietnam, Clare fu una delle prime e poche ad affermare che gli Stati Uniti non avrebbero vinto, nonostante la superiorità militare.

La conoscenza delle dinamiche della storia e la finezza intellettuale sono sempre rimaste le stesse e l’hanno guidata per tutta la carriera: oggi viene ricordata con sommo rispetto da tutti i colleghi.

Sorgente: Hello! World

Related Articles

Post a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

7 − 1 =

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

  • Disclaimer

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Il materiale pubblicato è copyright delle case editrici, degli autori e delle agenzie che ne detengono i diritti. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro.

  • Copyright

    Il materiale fotografico, loghi e quant’altro utilizzato all'interno del blog è stato reperito da fonti pubbliche, oppure è stato reso disponibile da terzi.
    Qualora per errore siano presenti immagini o contenuti protetti da copyright, si invita gli interessati a darne immediata comunicazione in modo da procedere alla rimozione tempestiva.

  • Privacy e Cookie policy

    Privacy Policy
  • Informazioni

    Edizioni Esordienti E-book di Piera Rossotti
    Strada Vivero, 15
    10024 Moncalieri - Torino

    [email protected]
    P.E.C. [email protected]

    011-6472110 - ore ufficio

    Partita IVA 10585010019
    Cod. Fisc. RSSPRI51R68L445X
    REA TO-1145737