Crea sito

Mario Nejrotti è un autore che con EEE ha pubblicato diversi libri molto apprezzati dal pubblico, fra questi Il piede sopra il cuore risulta essere il più venduto nel Kindle Store di Amazon, tanto da essere classificato un bestseller. Dire che ne siamo orgogliosi non rende l’idea, tuttavia non ci stupiamo, Mario è uno scrittore con i fiocchi e lo dimostra sia per il suo indubbio talento che per la sua signorilità. #EEE #autoriEEE

logo esperienza

 

di Mario Nejrotti

STRADE LASTRICATE D’ORO E TORTUOSI SENTIERI

Creare e gestire un’Editrice, prevalentemente o esclusivamente digitale, è un’impresa difficile che necessita prima di una buona dose di lungimiranza e di coraggio e poi di un continuo sforzo di fantasia. La EEE e la sua Editora, Piera Rossotti Pogliano, a mio parere hanno tutte queste caratteristiche. Ma bastano per crescere e lanciare nuovi scrittori di successo in un mercato sovrasaturo, dove tutto è già stato scritto e ogni strada è stata battuta?

Per  la mia esperienza di giornalista, uno scrittore può arrivare alla notorietà, che non è sempre sinonimo di successo, attraverso diverse strade:  far già parte del mondo editoriale per lavoro e conoscenze o appartenere al “grande” mondo della comunicazione, essere  in qualche modo interno all’universo dello spettacolo o avere amicizie “potenti”.  Il romanzo del neo scrittore troverà così benevolenza presso i grandi editori e spazio prima o poi nelle vetrine che contano. Allora un certo numero di alberi saranno sacrificati sull’altare della sua gloria.

Si può anche “arrivare” se si sa (belle: sembrano delle note musicali!) cogliere dalla cronaca un fatto, possibilmente pruriginoso o macabro o drammatico (positivo mai: non vende!). Può arrivare a farsi pubblicare chi è già famoso e in questo caos spesso non occorre neanche che sappia scrivere: fa tutto l’editore e lo paga anche solo perché gli lasci usare il nome. Deve almeno saper raccontare, direte voi. Non è indispensabile. Gli aneddoti della vita, lacrimosi o divertenti, li può scrivere benissimo il ghostwriter, basta che il personaggio li confermi nelle interviste. Di scrittori fantasma ce ne sono a pacchi, anche bravi (li trovi persino in rete, per esempio su http://www.loscrittorefantasma.com/).

Un modo tradizionale, e il più bello, per arrivare a notorietà e successo è essere molto, ma molto bravi. Ma non è sufficiente: occorre avere anche una buona dose di “fortuna”. In questo mondo molto particolare la sola fortuna o il solo talento non bastano. Le ali della farfalla a Pechino devono battere proprio per te e… non generare il caos solo per una volta.

Comunque tutti insieme questi “ scrittori”, che hanno imboccato una strada lastricata di gloria e di oro (che però, si sa, porta all’inferno), raggiungono ogni anno le poche decine (e sono molto ottimista). Per le restanti migliaia di scrittori italiani non rimane che imboccare le faticose e tortuose strade per raggiungere, non dico il successo, ma almeno la pubblicazione (e queste, sempre lo si sa, portano in paradiso). Non sono certo tutti bravi, ma anche lo fossero, non tutti sono fortunati. E quindi: sudore, sangue e umiliazioni.

Intorno a loro, alimentato da loro, un bel mercato. Dovremmo essere orgogliosi!

Con i nostri sudati risparmi vivacchiano agenzie letterarie, organizzatori di centinaia di concorsi più o meno letterari, correttori di manoscritti, redattori di schede di lettura, recensionisti  a pagamento, tipografie, self publishing a pagamento, pseudo editori, che non sono mai stati imprenditori, e che succhiano il sangue agli autori ancora prima della pubblicazione e che non fanno nulla se il tapino non paga e sicuramente nulla dopo che il tapino, sempre lui, ha pagato.

E poi qua e là ci sono, invece, poche iniziative editoriali fresche e nuove che offrono spazio agli Autori emergenti.

Una di queste è appunto l’EEE della cui squadra di scrittori faccio orgogliosamente parte. Siamo un bel drappello in crescita. Che cosa mi è piaciuto della filosofia dell’Editora?

Prima di tutto la dichiarata, assoluta e rivendicata soggettività del suo giudizio: il manoscritto o le piace o non le piace. (qui suona “punto”). Questo è molto bello perché non c’è nessuna pretesa di giudizio assoluto o di condanna senza appello. Per chi è pubblicato va bene, perché non si monta la testa e per chi è rifiutato, va bene lo stesso perché si consola e prova a cantare in un altro cortile, senza che venga ferito troppo il proprio ego.

Poi, mi è piaciuta perché, dopo il parere positivo, arriva subito un contratto semplice, chiaro e commercialmente accettabile, che non riguarda l’autore, ma l’opera singola. Il contratto, infatti, è sul romanzo e lega solo il lavoro, non la persona. Così sei sicuro di non finire come Salgari, sfruttato fino al suicidio dai suoi editori prima Donath e poi Bemporad. E di conseguenza al contratto, a cadenza precisa, arrivano anche i soldi (sterco del diavolo, ma indispensabile sostegno della vita). La casa editrice poi è ricca di iniziative e alcuni grandi Blogger aiutano per la necessaria diffusione dei titoli in catalogo e per creare una mentalità di squadra e di gruppo tra gli autori della “casa”.

Non si firma nulla su questo argomento, ma è la parte più innovativa. Gli Autori partecipano alla loro promozione!

Alcuni brontolano:“ Fuori dagli schemi! Avvilente! Ognuno faccia il proprio ruolo: io creo e scrivo, tu pubblichi e promuovi”. Personalmente, data la mia educazione un po’ troppo sabauda, ho fatto fatica a incominciare a “promuovermi”, ma siccome sono un ragazzo (si fa per dire) che si mette ancora in discussione, ho riflettuto sul lavoro dell’Editora, dei vulcanici blogger Irma Panova Maino e Andrea Leonelli e mi è sembrata una prospettiva nuova, che aveva anche qualche possibilità di successo.

Il mondo dell’editoria cambia e allarga il suo bacino di azione, alcune porte si chiudono, nuove strade si aprono. Forse sta nascendo una cultura diversa dal passato, dove Editore e Autore sono parti complementari di un lavoro che si sviluppa  con la fantasia, la creatività e l’impegno di entrambi. Da un lato prodotti del talento, dall’altro la sensibilità di riconoscerli e la possibilità di entrare nel mondo dei “pubblicati” (che, credetemi, non è poco in un oceano di “inediti”).

Bisogna allargare gli orizzonti, non costruire club autoreferenziali, che sarebbero asfittici  fin dalla nascita (Indice di Apgar alla nascita meno di 4, scusate la deformazione da medico). Quindi, insieme, occorre, con la fantasia creativa e l’entusiasmo che dovrebbero contraddistinguere autori ed editori, scoprire, sperimentare e mettere a disposizione di tutta la squadra strumenti  sempre nuovi  per arrivare al pubblico, al grande pubblico della rete, unico giudice importante e unica vera meta per i racconta storie.

Related Articles

Post a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

3 + 5 =

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

  • Disclaimer

    Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Il materiale pubblicato è copyright delle case editrici, degli autori e delle agenzie che ne detengono i diritti. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo di lucro.

  • Copyright

    Il materiale fotografico, loghi e quant’altro utilizzato all'interno del blog è stato reperito da fonti pubbliche, oppure è stato reso disponibile da terzi.
    Qualora per errore siano presenti immagini o contenuti protetti da copyright, si invita gli interessati a darne immediata comunicazione in modo da procedere alla rimozione tempestiva.

  • Privacy e Cookie policy

    Privacy Policy
  • Informazioni

    Edizioni Esordienti E-book di Piera Rossotti
    Strada Vivero, 15
    10024 Moncalieri - Torino

    [email protected]
    P.E.C. [email protected]

    011-6472110 - ore ufficio

    Partita IVA 10585010019
    Cod. Fisc. RSSPRI51R68L445X
    REA TO-1145737