Nero pesto

Valutato 5.00 su 5 su base di 1 recensioni
(1 recensione del cliente)

4,99

Acquista prodotto

Descrizione

Nero pesto di Emanuele Gagliardi

  • Formato: Formato Kindle
  • Dimensioni file: 1576 KB
  • Lunghezza stampa: 363
  • Editore: Edizioni Esordienti E-book (26 ottobre 2016)
  • Venduto da: Amazon Media EU S.à r.l.
  • Lingua: Italiano
  • ISBN: 978-88-6690-332-1

Descrizione prodotto

Sinossi

Roma, 1979. Sono gli anni in cui eversione nera e terrorismo rosso insanguinano la Capitale aggiungendosi agli attacchi diretti allo Stato culminati nel rapimento e uccisione di Aldo Moro. Omicidi, sequestri, rapine, violenze hanno spesso connotazione ideologica e così, quando un portinaio di 60 anni iscritto al MSI, Alfredo Mancini, viene trovato morto, orrendamente mutilato, il commissario capo della Squadra Mobile Umberto Soccodato si indirizza senza esitare sulla pista politica, benché le caratteristiche del delitto lascino ipotizzare un movente passionale forse omosessuale. Qualche giorno dopo, nello stesso stabile, avviene un secondo omicidio. A parte il teatro dei delitti e le simpatie destrorse delle vittime, non parrebbe esserci un comune denominatore tra i due casi. Ma è davvero così? Soccodato e i suoi collaboratori si muovono non senza grossi rischi e affanni nel sottobosco del terrorismo neofascista che per le sue aderenze con gli ambienti istituzionali e con la grande criminalità capitolina si rivela un nemico quanto e forse più insidioso delle temibili e meglio organizzate formazioni eversive di sinistra.

1 recensione per Nero pesto

  1. Valutato 5 su 5

    Oliviero Angelo Fuina

    Questo romanzo è il primo che leggo del bravissimo autore Emanuele Gagliardi ma sicuramente non sarà l’ultimo. Dirmi entusiasta è solo un eufemismo diminutivo!
    Un romanzo ambientato nella Roma di fine anni ’70, quelli del terrorismo rosso e nero, delle discutibili connivenze politiche con certi movimenti estremisti; anni di malcostume malinteso e che l’autore riesce a farci rivivere organoletticamente con suggestioni musicali e una serie di citazioni pubblicitarie e di costume e di oggettistica che ci catapultano direttamente in quel periodo, almeno i lettori che, come me, li hanno vissuti e li hanno ancora vivi nella loro memoria.
    “Nero pesto” è un giallo a tutti gli effetti ma è anche un variegato spaccato di costume dell’Italia di quegli anni bui e a guidarci nella trama è il Commissario Capo della Squadra Mobile Umberto Soccodato, un “Maigret” di casa nostra che, con la sua umanità e ironia, unitamente ai suoi collaboratori, che da subito sentiremo come parte integrante anche della nostra vita riflessa di lettori, seguiremo con simpatia ed empatia emotiva, indagando con lui dapprima su un omicidio di un portinaio appartenente ideologicamente all’ideologia fascista e nostalgica, e via via con altri omicidi e atti delinquenziali che sembrano legati l’un l’altro da un disegno inquietante fatto con l’inchiostro nero pesto. Un disegno che alti poteri dello Stato non vogliono venga rivelato.
    È sì una vicenda di fantasia ma inserita in un reale e ben documentato contesto sociale e storico di quel periodo, e diviene in assoluto un’altra sfaccettatura di una realtà a suo tempo conosciuta.
    Un romanzo ricco di personaggi e situazioni, in un caleidoscopio sensoriale di vita vissuta.
    Il mio assoluto plauso va all’autore che ha saputo offrirci una storia con una penna immensamente capace e talentuosa, con ricchezza di dialoghi da gustare fino all’ultima battuta e situazioni rese altamente credibili da una logica investigativa ampiamente esaustiva. Non mancheranno colpi di scena sapientemente inseriti, soprattutto nel finale, e a parole infine spente ci ritroveremo come chi avrà viaggiato nel tempo e si sarà arricchito della positività, malgrado tutto, del nostro Commissario Soccodato. Un romanzo, a mio avviso, che davvero si presterebbe a essere trasposto televisivamente o cinematograficamente. Lo meriterebbe ampiamente e sarebbe un altro sicuro successo di questo capacissimo autore: Emanuele Gagliardi!

Aggiungi una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

sei − cinque =

*