pizap-com14777484805261

Marina Atzori e Il Gioco di Libri

gioco-di-libriMarina Atzori e Il Gioco di Libri

Talvolta è capitato di passare qualche ora in buona compagnia con gli amici, cercando di indovinare quale fosse il soggetto estratto e ponendo domande del tipo: “Se fosse una città, quale sarebbe?”

Ebbene, abbiamo chiesto ai nostri autori di abbinare il titolo del loro libro a una città, un personaggio, un piatto tipico e una canzone. Ed ecco uno dei risultati.

Dentro un castello di carte

Sinossi

 Atzori_castello_EEE A volte, la soluzione più semplice, per difendersi dalle avversità della vita, è quella di costruirsi un castello di carte, nell’illusione di potervi trovare rifugio. Ben presto, però, ci rendiamo conto che è troppo fragile, che basta un soffio per farlo crollare. Proprio quando pensiamo che tutto sia perduto, a volte la vita ci riserva delle sorprese e troviamo la forza di costruire davvero qualcosa di più solido e duraturo. Dentro un castello di carte è il seguito della storia di Petra e Zefiro iniziata nel romanzo Il fiordaliso spinoso. Anche qui, la vita reale e la fantasia si mescolano… E la tartaruga Zippo, anche questa volta, ci metterà lo zampino. Perché l’amore, i sogni, che altro sono, se non belle favole? E nelle favole, si sa, anche le tartarughe non sono solamente degli animali, ma possono essere complici e messaggeri. Basta crederci

Se “Dentro un castello di carte” fosse

 murales-orgosolo

Una città: Orgosolo

Perché è il paese dei Murales e del Supramonte selvaggio, ma soprattutto perché è il cuore pulsante della Barbagia, zona dell’entroterra sardo che mi ha sempre attratta e affascinata per i suoi misteri e il suo sapore antico. Questo luogo mi rappresenta, non solo per le mie origini, ma anche per le forti contraddizioni e la storia che vi sono radicate. Orgoglio smisurato e arte vengono raffigurati sui muri delle case per descrivere una Sardegna diversa, poco compresa. Attraverso colori e immagini forti, vengono rivelati messaggi significativi, quali, l’espressione di una libertà negata e il tentativo di ribellione. Questi aspetti sono in parte gli stessi che si annidano in me, e nel personaggio maschile protagonista della mia storia, Zefiro Piras.
Leggendo “Dentro un castello di carte” vi troverete di fronte alla nostalgia, all’ostinazione, al carattere lunare e ombroso di un uomo che fa dei suoi silenzi e dei suoi segreti una roccaforte quasi inespugnabile. Il cuore di Zefiro diventa un’Isola da conquistare e da scoprire. Il “castello di carte” è
un’allegoria che ho adoperato per simboleggiare l’animo umano e la sua fragilità. Al minimo soffio di vento i sentimenti possono subire il peso della vulnerabilità, venendo in qualche modo compromessi. Si è costretti a rincorrerli e a ricomporli, prima che sia troppo tardi. Infine devo dire di avere vagabondato parecchio durante la mia esistenza. Adoro il Piemonte e le montagne, ma vorrei ritornare, un giorno, alle mie radici, una volta per tutte, proprio nella Mia adorata Sardegna.
Mi piace definire “Mia” questa Isola, perché mi appartiene e le appartengo, anima e corpo, dentro e fuori dai miei libri.

 malloreddusallacontadina

Un piatto: Malloreddus alla contadina

Un primo piatto colorato che ha una base di sugo al pomodoro fresco, insaporito a seconda dei gusti personali, da olive, capperi, verdura di stagione, peperoncino e basilico. Mi piacciono i sapori decisi, al limite del salato, e perché no, anche molto piccanti.
Questo semplice piatto di pasta, rigorosamente al dente, rappresenta in un certo senso le mie emozioni e le varie sfumature contenute all’interno di tutti i miei scritti. Nei pochi ritagli di tempo mi diletto a sperimentare la grafica. Se visiterete il mio blog Anemos, vi renderete conto di quanto sia amante dei colori, non soltanto in cucina…

 snoopymacchinascrivere

Un personaggio: Snoopy

Sono una scrittrice compulsiva proprio come lui, il cane scrittore più incompreso del secolo. Penso che non riuscirei a resistere senza scrivere. Ogni occasione è buona per buttare giù qualche riga. Se potessi vivrei sul tetto di una casetta con al seguito una macchina da scrivere. Dulcis in fundo, non faccio mistero della forte attrazione che nutro nei confronti dei biscotti e delle notti, assolutamente buie e tempestose. Ah dimenticavo, pagherei per avere un amico come Woodstock!

Una canzone: La fine di Tiziano Ferro

Una canzone che proprio sul finale racconta di un nuovo inizio. L’ho ascoltata un’infinità di volte e più pensavo alle parole più sentivo mio questo brano. Sui miei libri ho ricominciato, proprio dalla fine. Quindi… per una volta mi esprimerò attraverso un passaggio del testo del mio cantautore preferito…
“Vorrei che fosse oggi in un attimo già domani, per iniziare e per stravolgere tutti i mie piani… perché sarà migliore e io sarò migliore come un bel film che lascia tutti senza parole.”

Dettagli del libro

  • Formato: Formato Kindle
  • Dimensioni file: 566 KB
  • Lunghezza stampa: 143
  • Editore: Edizioni Esordienti E-book (17 febbraio 2016)
  • Venduto da: Amazon – Kobo
  • Lingua: Italiano
  • ISBN: 978-88-6690-297-3

One Response

Lascia un tuo commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

dodici + 2 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.