stefano-pavesio-e-il-gioco-di-libri

Stefano Pavesio e Il Gioco di Libri

gioco-di-libriStefano Pavesio e Il Gioco di Libri

Talvolta è capitato di passare qualche ora in buona compagnia con gli amici, cercando di indovinare quale fosse il soggetto estratto e ponendo domande del tipo: “Se fosse una città, quale sarebbe?”

Ebbene, abbiamo chiesto ai nostri autori di abbinare il titolo del loro libro a una città, un personaggio, un piatto tipico e una canzone. Ed ecco uno dei risultati.

Come foglie al vento

Sinossi

 Pavesio_EEE Cinque ragazzini, residenti in anonimi e sonnolenti paesini delle colline astigiane, vedranno le loro vite sfiorate da eventi sempre più funesti, fino a diventarne parte loro stessi, scoprendo, forse senza nemmeno accorgersene, che il male non può che generare altro male e che tutto quel che accade non sempre è dettato da una personale volontà, ma accade semplicemente perché deve accadere, perché, al di là delle scelte soggettive, ci sono delle forze che guidano gli avvenimenti secondo uno schema prestabilito di ampio respiro, che porterà le loro esistenze negli anni ‘80-‘90 a intrecciarsi con vicissitudini legate agli anni della seconda guerra mondiale e alle vite di persone solo all’apparenza completamente slegate dalle loro. Ogni azione, per quanto piccola o insignificante possa apparire, ne scatena altre, talora quasi impercettibili talora dirompenti.
Esiste un filo conduttore che regola il trascorrere di ogni vita, un filo che si srotola da una matassa che non conosce limiti spaziali e temporali, un filo sottile, quasi invisibile, ma incredibilmente resistente, indistruttibile, un filo che nel suo svolgersi avvolgerà intorno a sé differenti esistenze trascinandole inesorabilmente verso un unico punto di confluenza, pur lasciando loro l’illusione di poter disporre pienamente delle proprie decisioni, un filo che avvolgerà allo stesso modo gioia e dolore, vita e morte, violenza e amore, legandoli insieme indissolubilmente.
Un filo che, al di là dei mondi concreti e reali noti a tutti, lambirà sfere meno considerabili dalle menti più razionali, come quelle che sembrano donare una volontà malvagia a un borgo abbandonato e al bosco che lo circonda o come quelle che chiamano in gioco la presenza delle masche o che sembrano suggerire un gatto albino come un’occulta presenza latrice di sventura.
Non tutto quel che accade è comprensibile.
Non tutto quel che accade è accettabile.
Ma nulla, nulla accade per caso

Se “Come foglie al vento” fosse

 langhe_paesaggio

Una città: Una non basta

Se dovessi identificare il mio libro con una città allora sarei nei guai, perché non saprei nemmeno io quale scegliere. Più che una città il mio romanzo potrebbe essere un insieme di piccoli paesini rurali pigramente adagiati sulle colline del Monferrato. Per chi non ha mai avuto modo di osservare questi luoghi da vicino, sappiate che da queste parti la natura offre tutta la sua cruda e viva presenza, alternando angoli di struggente bellezza ad altri bui e cupi e inospitali. E così fanno i piccoli paesi che hanno colonizzato queste dolci e malinconiche colline. E così fanno i loro abitanti. L’oscurità fa parte della luce, da sempre, e viceversa. Questo dualismo, che caratterizza ogni forma di vita, traspare più chiaramente nei luoghi dove la presenza umana non è così preponderante, nei luoghi dove anche le piante e gli animali possono ancora dire la loro, nei luoghi dove le leggende e le fiabe sono ancora, in qualche modo, credibili

 2-fritto-misto-alla-piemontese-690x430

Un piatto: Fritto misto alla piemontese

Qui non avrei dubbi: fritto misto alla piemontese. Pur non essendo io un amante di questa creazione culinaria, credo che si presti benissimo a nutrire il mio romanzo. E’ un tipico piatto piemontese, molto in voga nel Monferrato, che alterna cibi salati e dolci in una stessa improbabile soluzione, miscelando con secolare sapienza gusti molto differenti tra loro che però trovano un’insospettabile unione di sapore, dalla cotoletta al semolino, dalla mela fritta agli amaretti, dalle frattaglie ai funghi, dalle interiora al cavolfiore. Un microcosmo culinario che, una volta di più, mette in luce le diverse anime che si possono trovare in un microcosmo geografico.
Il tutto accompagnato da un buon barbera fermo e corposo.

 doc_brown

Un personaggio: Emmett Brown

Sarebbe Emmett Brown. Sì, proprio lui, il leggendario Doc di Ritorno al futuro, interpretato da un impeccabile Christopher Lloyd.
“Come foglie al vento” si articola in differenti epoche e quel che è successo in passato si ripercuote con forza dirompente sugli eventi attuali, pur sembrando questi avvenimenti all’apparenza completamente slegati. Il passato influenza inevitabilmente il presente, anche quando sembra non esserci nulla che li mette in diretta correlazione. Il buon Doc, da esperto viaggiatore nel tempo, sa fin troppo bene cosa possa comportare un’alterazione degli eventi passati e, a mio modesto avviso, in questo libro si sarebbe trovato a suo agio. Resta da capire se, consapevole di quanto accaduto oggi, avrebbe in qualche modo cercato di modificarlo in meglio facendo un salto all’indietro o se, forse più saggiamente, avrebbe assistito da semplice spettatore lasciando tutto com’era per non correre il rischio di complicare ulteriormente le cose. Ma questo potrebbe dircelo soltanto lui.

Una canzone: Un medley

“Come foglie al vento” è stato composto seguendo un’ispirazione del momento e ha preso vita man mano che veniva scritto. E, in non pochi casi, l’ispirazione è scaturita da un brano musicale.
Il libro ha una sua colonna sonora, più che altro rock, dove si affacciano echi di David Bowie, Pearl Jam, Guns’n’Roses e altre leggende di quel florido periodo. E questa è la parte più strong e graffiante. Poi c’è la parte classica, quella a cui almeno inizialmente si dedica una delle protagoniste della storia.
Ma, leggendo alcuni titoli dei capitoli e diversi passaggi, fa capolino un altro autore, uno dei più grandi cantautori della musica italiana, Fabrizio De Andrè.
Per chi è stato cresciuto a pane e Faber era impensabile non subire influenze. Poi nel tempo la mia dieta si è arricchita di molti artisti stranieri, ma come si dice, il primo amore non si scorda mai.
Tirando le somme, anche in questo caso sarebbe davvero arduo associare un singolo brano all’intera opera. Il romanzo è un amalgama di generi letterari, pertanto trovo giusto che sia anche un amalgama di generi musicali.

Dettagli del libro

  • Formato: Formato ebook
  • Dimensioni file: 1695 KB
  • Lunghezza stampa: 530
  • Editore: Edizioni Esordienti E-book (26 settembre 2016)
  • Venduto da: Amazon – Kobo
  • Lingua: Italiano
  • ISBN: 978-88-6690-322-2

One Response

Lascia un tuo commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

quindici − 7 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.