Patrizia Poli e il Gioco di Libri – Di tango e vele

Patrizia Poli e il Gioco di Libri

Talvolta è capitato di passare qualche ora, in buona compagnia con gli amici, cercando di indovinare quale fosse il soggetto misterioso estratto e ponendo domande del tipo: "Se fosse una città, quale sarebbe?" Ebbene, abbiamo chiesto ai nostri autori di abbinare il titolo del loro libro a una città, un colore o un animale, un personaggio e una canzone. Ed ecco uno dei risultati.

Se “Di tango e vele” fosse

Una città: Genova

La scelta cade su questa città piena di contrasti, così come lo sono i personaggi del libro. Dagli spazi angusti dei caruggi, allo sguardo che può spaziare sull’orizzonte infinito, due mondi diametralmente opposti.

Gherardo, uno dei protagonisti del romanzo, è un vero genovese, ama passare il suo tempo libero veleggiando sul mar Ligure. Ha sempre un aspetto stropicciato con un paio di calzoncini sdruciti e una maglietta torturata dal sale. Fa venire in mente la vitalità ma anche l’aria un po’ trasandata che caratterizza alcune parti del centro città.

Per contro Isabella, elegante e austera richiama quella Genova che conserva gli antichi splendori del suo passato. Come sempre gli opposti si attirano, si fondono e trovano una loro armonia.

L’immagine è tratta da: it.wikipedia.org

Un personaggio: Jennifer Aniston

Perché Brad Pitt, uno degli uomini più desiderati dell’universo, bravo e ricchissimo attore sceglie di sposare proprio Jennifer Aniston?

Deve trattarsi di amore vero. Lei è una bella donna, ma non una delle più belle, brava attrice, ma come tante altre e quindi? Non c’è dubbio, l’attrazione che lui prova è genuina. Lei può stare tranquilla, i sentimenti devono essere autentici.

Questo è quello che prova Isabella, una delle protagoniste del libro, non ha dubbi sulla sincerità e la fedeltà del marito. Peccato che all’orizzonte spunti una Angelina Jolie qualunque a rompere questo meraviglioso idillio. Il tradimento, la fiducia mal riposta, la delusione e tutta quella serie di emozioni che si rincorrono durante la vicenda del romanzo, fanno accomunare i due personaggi.

Un omaggio a Jennifer Aniston che li ha vissuti davvero.

L’immagine è tratta da: it.wikipedia.org

Un animale: Delfino

Un simbolo del mare che respira e balza verso il cielo. Sintesi perfetta fra i tre elementi della terra.

Mi fa venire in mente l’amore, l’impulso che abbraccia e crea unione.

È quello a cui aspira ogni essere vivente in qualunque momento della sua vita vera, o nella favola scritta nelle righe di un romanzo.

L’immagine è tratta da: www.lastampa.it

Una canzone: Stay with me

“Resta con me”, canta il protagonista accompagnandosi al pianoforte.

Sembra un brano scelto a caso, oppure no…

Bisogna scoprirlo leggendo il libro, magari lasciando Sam Smith come sottofondo musicale.

Poli_Spagnuolo_TangoEST

La trama

Di tango e vele, ambientato tra Milano, Torino e la Liguria del giorno d’oggi, ha come protagonisti donne e uomini in carriera che non esitano a credere nell’amore con lo stesso entusiasmo di un adolescente.

L’amore è intrecciato a doppio filo al tradimento, e la storia racconta di seconde possibilità e nuovi inizi, di disperazione per amori conclusi e di gioia per altri appena sbocciati, di cuori spezzati, relazioni fallite e di una grande voglia di tornare a rimettersi in gioco.

Tra un passo di tango e una gita in barca a vela, un aperitivo a Milano e una passeggiata lungo i Murazzi a Torino, il romanzo, che cattura il lettore con la leggerezza della lingua parlata, è scorrevole e coinvolgente e ci convince che a qualunque età si può superare un amore fallito e trovare la felicità.

Maria Flora Spagnuolo e La sua Postazione

Maria Flora Spagnuolo e La sua Postazione

Ogni autore possiede una propria postazione in cui le idee prendono forma e le parole scorrono velocemente sul monitor. Per i più conservatori esistono ancora gli scrittoi, carta, penna, talvolta calamaio. Tuttavia, a prescindere dal mezzo con cui si esprimono i pensieri, la magia che scaturisce è quella insita in ogni forma d’arte e noi vogliamo farvi vedere come se la cavano i nostri autori.

Vivo e lavoro a Milano, ma ho vissuto sei anni in provincia, diventando così una “pendolare” tra Saronno e Milano Cadorna.

In realtà, come Iris, la “mia” protagonista nel libro Di tango e vele, preferisco il treno all’auto, non amo molto guidare, e il tempo trascorso sui treni può essere impiegato in molti modi, ad esempio… scrivendo!

Ho scritto i due romanzi (Eccomi qui, amica mia e Di tango e vele) quasi completamente viaggiando, o nelle lunghe attese in stazione.

Osservo le persone e mi vengono in mente caratteri e personaggi, voci, intonazioni, gestualità, dettagli. 

Perché, in fondo (molto in fondo), anche un treno di pendolari ha una sua poesia!

Maria Flora Spagnuolo

Scopri tutti i libri pubblicati

da questo autore